NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Il glutammato monosodico

di Giorgio Pitzalis


Sindrome del ristorante cinese. Il glutammato monosodico (MSG)

Il glutammato monosodico (MSG), il sale di sodio del glutammato, è usato in tutto il mondo come esaltatore di sapidità in vari alimenti trasformati (alimenti in scatola). Il glutammato monosodico è stato estratto dai frutti di mare ed è stato la fonte del gusto umami.

Questo è considerato il quinto gusto (saporito), oltre al dolce, il salato, l’amaro e l’acido. La Food and Drug Administration (FDA) ha classificato il glutammato monosodico come sostanza generalmente riconosciuta sicura (GRAS) e nessuna limitazione è stata imputata al suo uso come additivo alimentare.

Ciononostante, Kwok descrisse per la prima volta un complesso di sintomi, tra cui intorpidimento alla nuca e alle braccia, debolezza e palpitazione, dopo l’ingestione di un pasto cinese e suggerì che l’MSG era una delle possibili cause .

Questi sintomi sono stati definiti collettivamente come sindrome da ristorante cinese (CRS).

Nel 1995, la Federazione delle Società Americane per la Biologia Sperimentale (FASEB) propose il termine complesso sintomatologico MSG per indicare le reazioni che si verificano dopo l’ingestione di MSG.

È importante ricordare che il consumo medio consigliato per persona non dovrebbe superare 0,5 grammi al giorno.

Meglio evitare zuppe o alimenti con una discreta componente liquida, mentre un pasto solido e una buona presenza di carboidrati aumenta la metabolizzazione di questa sostanza.

La MSG è stata associata a vari effetti collaterali quali intorpidimento, mal di testa, emicrania, palpitazioni, oppressione, debolezza, dolore, rossore, fascicolazione, lacrimazione, sincope, vertigini, attacchi di brividi, parestesia, aritmia e tachicardia.

Se siete sensibili a questa sostanza meglio fare attenzione che nell’etichetta non siano presenti voci che possano nascondere l’aggiunta dell’additivo in questione:

  • acido glutammico
  • oli o grassi vegetali idrogenati
  • proteine idrogenate
  • gelatina
  • caseinati di sodio o di calcio,lievito aggiunto
  • glutammato monopotassico e alcuni oli di mais

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!