NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Dieta mediterranea e ipertensione arteriosa.

L'ipertensione arteriosa è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (CVD) e la mortalità per tutte le cause.

Uno stile di vita sano è una strategia fondamentale per ridurre l’ipertensione arteriosa e la dieta è l’elemento mutevole con l’effetto più forte sulla pressione arteriosa (BP).

È dimostrato che il modello della dieta mediterranea (MedDiet) può migliorare la funzione endoteliale e offrire un notevole beneficio contro il rischio di ipertensione e CVD.

La dieta mediterranea è senza dubbio un modello di dieta salutare, che è efficace nella protezione contro le patologie cardio-vascolari, le malattie metaboliche e il cancro.

Alcuni studi hanno riportato che gli alimenti tipici del modello di nutrizione mediterraneo dei primi anni ’60, come:

  • cereali integrali
  • verdure
  • frutta
  • noci
  • olio extra vergine di oliva,

hanno un effetto favorevole sul rischio di ipertensione considerando che gli alimenti non tipici di questo modello alimentare, come la carne rossa, la carne lavorata e il pollame, hanno un effetto sfavorevole.

In termini generali, gli studi attuali indicano che la dieta mediterranea ha effetti favorevoli nel ridurre la pressione arteriosa in soggetti ipertesi o sani, ma non abbiamo dati sufficienti per dichiarare quanto sia forte questo effetto.

I componenti principali della Dieta Mediterranea sono:

  • verdure
  • frutta fresca
  • cereali integrali
  • pesce
  • frutti di mare
  • legumi
  • noci
  • olio extravergine di oliva
  • vino rosso

Mentre le carni rosse e lavorate sono limitate e i prodotti caseari sono moderati.

Non da ultimo deve essere considerato che l’aderenza alla Dieta Mediterranea è altamente suggerita poiché questa dieta è gradevole e saziante.

Tra gli alimenti maggiormente protettivi sul sistema cardiovascolare e sulla pressione arteriosa, l’olio d’oliva è probabilmente il componente più importante della Dieta Mediterranea da questo punto di vista.

Ipertensione Arteriosa

Studi recenti hanno riportato un effetto vasoprotettivo dei polifenoli presenti nell’olio d’oliva sulla pressione sanguigna e hanno spiegato questo effetto con il potere di aumentare la sintesi endoteliale dell’ossido nitrico e la risposta mediata dal fattore di iperpolarizzazione derivato dall’endotelio.

Oltre all’olio d’oliva, l’assunzione alimentare di frutta e verdura, noci e cereali integrali è stata correlata a un minor rischio di ipertensione.

Esiste comunque un rapporto inversamente proporzionale tra la ipertensione arteriosa e l’apporto di sodio e di potassio.

Infatti, una maggiore aderenza alla Dieta Mediterranea era negativamente correlata all’ ipertensione arteriosa, ma questa associazione non era più significativa dopo l’aggiustamento per l’assunzione di sodio e di potassio.

Sia la Dieta Mediterranea che la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) sono relativamente facili da rispettare e sono appetibili, ricchi di frutta, verdura, cereali integrali, noci e oli insaturi; inoltre, entrambi riducono al minimo il consumo di carne rossa e lavorata e sono conformi alle raccomandazioni dietetiche per la salute cardiovascolare.

Quindi, quali sono le differenze? Uno può essere che la dieta DASH è maggiormente indicata a ridurre l’apporto di sodio, mentre questa non è una caratteristica della Dieta Mediterranea.

In secondo luogo, può darsi che la dieta DASH includa più proteine poiché include pollame e pesce e sottolinea il consumo di latticini a ridotto contenuto lipidico e calorico.

Per quanto riguarda in particolare i prodotti lattiero-caseari, l’aggiunta di prodotti caseari convenzionali non grassi alla dieta quotidiana ha effetti ipotensivi.

Inoltre, una recente revisione sistematica ha dimostrato un’associazione favorevole tra un maggiore apporto di latticini e un minore rischio di ipertensione.
(Drouin-Chartier J.P., Brassard D., Tessier-Grenier M., Côté J.A., Labonté M.È., Desroches S., Couture P., Lamarche B. Systematic review of the association between dairy product consumption and risk of cardiovascular-related clinical outcomes. Adv. Nutr. 2016;7:1026–1040).

Tratto da:
De Pergola G, D’Alessandro A. Influence of Mediterranean Diet on Blood Pressure. Nutrients. 2018 Nov; 10(11): 1700.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!