NEW

Zuccheri. bere solo latte o acqua

Il consumo di zuccheri, delle bevande zuccherate o bevande che contengono addolcitori calorici aggiunti (ad esempio saccarosio, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, concentrati di succo di frutta) nei bambini e negli adolescenti europei, supera le attuali...

Meteorismo intestinale e flatulenza

È esperienza comune che le emozioni possono influenzale l’attività gastrointestinale, provocando sintomi come flatulenza, dolori addominali non importanti e variabili accompagnati da irregolarità dell’intestino. Sono sintomi estremamente comuni e possono corrispondere...

Il rigurgito del lattante

Diagnosi: Presenza in un lattante di età compresa tra 3 settimane e 12 mesi di 2 o più episodi di rigurgito al giorno per 3 o più settimane con assenza di conati di vomito, ematemesi, aspirazione, apnea, arresto di crescita, difficoltà ad ingoiare o a deglutire o...

La melatonina

I disturbi del sonno sono molto diffusi nei bambini e, senza un adeguato trattamento, possono diventare cronici e durare per molti anni. La definizione di insonnia è la difficoltà ripetuta di addormentarsi (più di 30 minuti a notte), sonno insufficiente (meno di 8...

Ginecomastia adolescenziale

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare. La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Dieta mediterranea e ipertensione arteriosa.

L'ipertensione arteriosa è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (CVD) e la mortalità per tutte le cause.

Uno stile di vita sano è una strategia fondamentale per ridurre l’ipertensione arteriosa e la dieta è l’elemento mutevole con l’effetto più forte sulla pressione arteriosa (BP).

È dimostrato che il modello della dieta mediterranea (MedDiet) può migliorare la funzione endoteliale e offrire un notevole beneficio contro il rischio di ipertensione e CVD.

La dieta mediterranea è senza dubbio un modello di dieta salutare, che è efficace nella protezione contro le patologie cardio-vascolari, le malattie metaboliche e il cancro.

Alcuni studi hanno riportato che gli alimenti tipici del modello di nutrizione mediterraneo dei primi anni ’60, come:

  • cereali integrali
  • verdure
  • frutta
  • noci
  • olio extra vergine di oliva,

hanno un effetto favorevole sul rischio di ipertensione considerando che gli alimenti non tipici di questo modello alimentare, come la carne rossa, la carne lavorata e il pollame, hanno un effetto sfavorevole.

In termini generali, gli studi attuali indicano che la dieta mediterranea ha effetti favorevoli nel ridurre la pressione arteriosa in soggetti ipertesi o sani, ma non abbiamo dati sufficienti per dichiarare quanto sia forte questo effetto.

I componenti principali della Dieta Mediterranea sono:

  • verdure
  • frutta fresca
  • cereali integrali
  • pesce
  • frutti di mare
  • legumi
  • noci
  • olio extravergine di oliva
  • vino rosso

Mentre le carni rosse e lavorate sono limitate e i prodotti caseari sono moderati.

Non da ultimo deve essere considerato che l’aderenza alla Dieta Mediterranea è altamente suggerita poiché questa dieta è gradevole e saziante.

Tra gli alimenti maggiormente protettivi sul sistema cardiovascolare e sulla pressione arteriosa, l’olio d’oliva è probabilmente il componente più importante della Dieta Mediterranea da questo punto di vista.

Ipertensione Arteriosa

Studi recenti hanno riportato un effetto vasoprotettivo dei polifenoli presenti nell’olio d’oliva sulla pressione sanguigna e hanno spiegato questo effetto con il potere di aumentare la sintesi endoteliale dell’ossido nitrico e la risposta mediata dal fattore di iperpolarizzazione derivato dall’endotelio.

Oltre all’olio d’oliva, l’assunzione alimentare di frutta e verdura, noci e cereali integrali è stata correlata a un minor rischio di ipertensione.

Esiste comunque un rapporto inversamente proporzionale tra la ipertensione arteriosa e l’apporto di sodio e di potassio.

Infatti, una maggiore aderenza alla Dieta Mediterranea era negativamente correlata all’ ipertensione arteriosa, ma questa associazione non era più significativa dopo l’aggiustamento per l’assunzione di sodio e di potassio.

Sia la Dieta Mediterranea che la dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension) sono relativamente facili da rispettare e sono appetibili, ricchi di frutta, verdura, cereali integrali, noci e oli insaturi; inoltre, entrambi riducono al minimo il consumo di carne rossa e lavorata e sono conformi alle raccomandazioni dietetiche per la salute cardiovascolare.

Quindi, quali sono le differenze? Uno può essere che la dieta DASH è maggiormente indicata a ridurre l’apporto di sodio, mentre questa non è una caratteristica della Dieta Mediterranea.

In secondo luogo, può darsi che la dieta DASH includa più proteine poiché include pollame e pesce e sottolinea il consumo di latticini a ridotto contenuto lipidico e calorico.

Per quanto riguarda in particolare i prodotti lattiero-caseari, l’aggiunta di prodotti caseari convenzionali non grassi alla dieta quotidiana ha effetti ipotensivi.

Inoltre, una recente revisione sistematica ha dimostrato un’associazione favorevole tra un maggiore apporto di latticini e un minore rischio di ipertensione.
(Drouin-Chartier J.P., Brassard D., Tessier-Grenier M., Côté J.A., Labonté M.È., Desroches S., Couture P., Lamarche B. Systematic review of the association between dairy product consumption and risk of cardiovascular-related clinical outcomes. Adv. Nutr. 2016;7:1026–1040).

Tratto da:
De Pergola G, D’Alessandro A. Influence of Mediterranean Diet on Blood Pressure. Nutrients. 2018 Nov; 10(11): 1700.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!