NEW

La dieta mediterranea e ADHD in bambini e adolescenti.

Sebbene il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sia stato correlato a carenze di nutrienti e diete "malsane", abbiamo ipotizzato che una scarsa aderenza ad una dieta mediterranea sarebbe positivamente associata ad un aumento della diagnosi di ADHD....

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Cosa è noto su questo argomento dedicato al disturbo da deficit di attenzione e iperattività: I modelli dietetici non salutari (di solito ricchi di grassi saturi, zuccheri raffinati e alimenti trasformati e poveri di frutta e verdura) sono spesso associati a disturbo...

Al mattino, fai sempre colazione: ti conviene!

Si presume che conferisca una serie di benefici per la qualità della dieta, la salute e le prestazioni cognitive e accademiche. Quindi, fai sempre colazione! Bambini e adolescenti che consumano abitualmente la colazione hanno maggiori probabilità di avere una migliore...

La terapia della colica infantile: quale probiotico funziona?

La colica infantile o l'eccessivo pianto da causa sconosciuta è una condizione gravosa che colpisce circa 1 neonato su 5 di età inferiore a 3 mesi. È più comunemente definito dai criteri Wessel rappresentati da pianto e/o agitazione per più di 3 ore al giorno per più...

Sport e salute: attenzione al rene

Ma attenzione, a proposito di sport e salute: tra il 6 e il 10% dei clienti di una palestra usano droghe e ormoni per aumentare le prestazioni, altro che Sport e salute. In popolazioni selezionate, come sollevatori di pesi e culturisti, l'abuso di queste sostanze è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Al mattino, fai sempre colazione: ti conviene!

La colazione è generalmente considerata il pasto più importante della giornata.

Si presume che conferisca una serie di benefici per la qualità della dieta, la salute e le prestazioni cognitive e accademiche. Quindi, fai sempre colazione!

Bambini e adolescenti che consumano abitualmente la colazione hanno maggiori probabilità di avere una migliore assunzione di micro e macronutrienti, meno probabilità di essere in sovrappeso o obesi e più probabilità di avere livelli di attività fisica più elevati.

Nonostante i numerosi benefici, diversi studi osservazionali hanno riferito che tra il 20% e il 30% dei bambini e degli adolescenti salta la colazione.

Vi sono anche prove del fatto che il consumo della colazione è benefico per le prestazioni cognitive nei bambini in età scolare.

Bambini e adolescenti possono essere particolarmente sensibili agli effetti nutrizionali della colazione sull’attività cerebrale e sui risultati cognitivi associati.

I bambini hanno un metabolismo del glucosio nel cervello più elevato rispetto agli adulti.

Inoltre, il periodo di digiuno notturno più lungo a causa delle maggiori richieste di sonno durante l’infanzia e l’adolescenza può esaurire le riserve di glicogeno durante la notte.

Per mantenere questo tasso metabolico più elevato, è necessario un approvvigionamento continuo di energia derivata dal glucosio. Quindi il consumo della colazione può essere vitale per fornire energia adeguata per l’intera mattina.

Focus

Le concentrazioni di glucosio extracellulare nel cervello fluttuano con le concentrazioni di glucosio nel sangue in modo tale che le concentrazioni di glucosio extracellulare nel cervello siano ∼20-30% delle concentrazioni di glucosio nel sangue.

Ciò suggerisce che l’aumento del glucosio nel sangue consumando carboidrati indurrà piccoli aumenti del glucosio extracellulare nel cervello.

Tuttavia, è improbabile che ciò porti a cambiamenti nell’attività cerebrale e quindi nella funzione cognitiva, poiché l’assorbimento neuronale del glucosio è guidato dall’attività neurale, non dalla concentrazione extracellulare di glucosio nel cervello.

Gli astrociti funzionano come un sistema tampone, regolando la disponibilità di glucosio extracellulare del cervello per i neuroni in risposta all’attività neuronale e contengono anche depositi di glicogeno per prevenire ampie fluttuazioni nella disponibilità di glucosio.

Questo può spiegare perché gli effetti del consumo della colazione sulle prestazioni cognitive possono verificarsi quando le concentrazioni di glucosio nel sangue sono tornate ai valori di base. In alternativa, i meccanismi che coinvolgono il glucosio suggeriscono che un aumento della glicemia può migliorare la cognizione facilitando l’assorbimento del glucosio neuronale in particolare nelle regioni in cui le concentrazioni di glucosio extracellulare nel cervello sono diminuite durante i periodi di elevato assorbimento del glucosio neuronale.

L’insulina attraversa la barriera emato-encefalica e i recettori dell’insulina si trovano nel cervello.

L’interazione insulina-glucosio, mediata dal cervello può facilitare le prestazioni cognitive dopo l’ingestione di carboidrati. Inoltre, la somministrazione di insulina per via intranasale ha dimostrato di facilitare le prestazioni cognitive negli adulti.

La colazione può influire indirettamente sulle prestazioni cognitive attraverso cambiamenti nei sentimenti o nello stato soggettivo (ad esempio, umore o prontezza di attenzione) causati dal consumo della colazione.

Esistono prove coerenti che il consumo della colazione è associato a migliori sentimenti soggettivi di umore e prontezza nei bambini in età scolare. I cambiamenti positivi di umore, prontezza e motivazione dopo la colazione possono a loro volta facilitare le prestazioni cognitive aumentando la capacità dei bambini di concentrarsi e/o la motivazione a impegnarsi duramente in compiti cognitivi.

Conclusioni

Dagli studi esaminati, i dati suggeriscono che il consumo della colazione ha un effetto positivo a breve termine, specifico per il dominio sulla funzione cognitiva, misurato entro 4 ore dalla colazione nei bambini e negli adolescenti. Il potenziale per la colazione di avere un impatto sulle prestazioni cognitive sembra essere più pronunciato nei bambini denutriti.

(Tratto da Adolphus K et al. The Effects of Breakfast and Breakfast Composition on Cognition in Children and Adolescents: A Systematic Review. Adv Nutr. 2016 May 16;7(3):590S-612S.)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!