NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Dieta mediterranea e artrosi

Oggi, la dieta mediterranea (dieta Med.) è forse il concetto dietetico e nutrizionale più noto tra la comunità scientifica e i consumatori del mondo sviluppato.

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino invecchiamento.

Il termine dieta Med si riferisce ai tradizionali schemi nutrizionali specifici dei paesi del Mediterraneo per circa 50 anni.

Sebbene esistano varietà diverse, i componenti principali di questa dieta sono: (a) elevato consumo di cereali, frutta, verdura, frutta a guscio e legumi; b) olio d’oliva come principale fonte di grassi; c) consumo moderato di pesce, pollo, latte e prodotti lattiero-caseari (in particolare sotto forma di formaggio e yogurt); d) basso consumo di carne e prodotti a base di carne, unitamente a e) un elevato livello di attività fisica e consumo giornaliero di vino.

L’artrosi (OA) è il disturbo reumatologico più comune e una causa di dolore e disabilità nella popolazione generale.

Colpisce 240 milioni di persone nel mondo, con una prevalenza del 10% nei maschi e del 18% nelle femmine.

In Spagna colpisce il 10% della popolazione di età superiore ai 20 anni e il 19,6% della popolazione di età superiore ai 40 anni.

I fattori di rischio per l’OA includono l’età, il sesso, una storia di traumi, sovrappeso e obesità, fattori meccanici e predisposizione genetica. L’obesità è il fattore di rischio modificabile più significativo per l’OA. Uomini e donne obesi sono 4-5 volte più a rischio di sviluppare OA del ginocchio.

La relazione tra obesità e OA è multifattoriale.

Storicamente, l’obesità è stata associata all’usura delle articolazioni, ma l’associazione tra sovrappeso e artrosi delle mani indica che altri fattori, oltre a fattori meccanici, potrebbero svolgere un ruolo.

Diversi studi dimostrano che i pazienti obesi hanno determinati fattori metabolici che inducono il rilascio di citochine specifiche, come IL-6, CCL2 e IL-8, adipokine proinfiammatorie, ossido nitrico e metalloproteinasi che contribuiscono al degrado della cartilagine articolare.

La prevalenza della sindrome metabolica, caratterizzata da ipercolesterolemia, ipertensione e insulino-resistenza è maggiore nei pazienti con OA.

I pazienti con OA e sindrome metabolica hanno una maggiore incidenza di infiammazione e dolore rispetto a quelli con OA senza sindrome metabolica.

Le raccomandazioni internazionali per il trattamento dell’OA si basano su misure non farmacologiche, trattamenti farmacologici e trattamenti chirurgici.

L’attività fisica e la perdita di peso sono raccomandate tra le misure non farmacologiche. Alcuni studi hanno dimostrato che l’alimentazione può svolgere un ruolo benefico nella gestione dell’OA.

Alcuni ricercatori hanno dimostrato che la dieta Mediterranea può avere un effetto protettivo a causa delle sue proprietà antinfiammatorie, della sua capacità antiossidante e dei suoi effetti sull’obesità e sulla sindrome metabolica.

  • La dieta Med, ricca di polifenoli, previene l’infiammazione, la distruzione della cartilagine e induce una riduzione degli acidi grassi omega 6 (n-6) a favore degli acidi grassi omega 3 (n-3).
  • Un elevato apporto di acidi grassi n-6 provoca infiammazione sinoviale e compromissione della cartilagine articolare.
  • Le diete ricche di grassi aumentano i livelli di leptina nella cartilagine, contribuendo alla progressione accelerata dell’OA.
  • Al contrario, i componenti derivanti dagli acidi grassi n-3 riducono l’espressione genetica delle proteinasi presenti nella cartilagine articolare danneggiata e nelle citochine infiammatorie.

È stato osservato in alcuni studi che l’assunzione di antiossidanti, come la vitamina C, impedisce la progressione dell’OA.

L’olio d’oliva è uno degli elementi più emblematici di questa dieta e molti dei suoi effetti benefici sono stati correlati al suo alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi (MFA) e ai composti fenolici. Inoltre, è stato dimostrato che l’olio d’oliva riduce il dolore e migliora la funzionalità e la qualità della vita dei pazienti con OA.

Le noci sono ricche di grassi insaturi (AMF in mandorle e nocciole e acidi grassi polinsaturi in noci e pinoli).

Oltre a contenere abbondante acido linoleico (PFA n-6), noci e pinoli contengono notevoli quantità di acido alfa-linolenico (PFA n-3).

Le noci sono anche ricche di altri componenti come arginina (precursore dell’ossido nitrico), acido folico, vitamina E e polifenoli antiossidanti, fitosteroli e altri composti fitochimici. Studi clinici su interventi dietetici a breve e medio termine per pazienti ipercolesterolemici hanno dimostrato che il consumo giornaliero di una ragionevole quantità di frutta a guscio ha l’effetto di ridurre il colesterolo totale e LDL-C, migliorare la funzione endoteliale e ridurre i marcatori sistemici dell’infiammazione nell’ipercolesterolemico pazienti.

Esiste solo uno studio pubblicato che ha esaminato l’effetto di noci (una preparazione di noci) e OA e ha dimostrato un miglioramento clinico nei pazienti studiati.

La relazione tra la dieta Med e l’OA è complessa e ci sono pochi studi che l’hanno esaminata.

In una revisione sistematica che abbiamo intrapreso di recente con l’obiettivo di analizzare le prove per la dieta Med e l’OA, solo 3 studi, di cui 8 identificati, hanno soddisfatto i criteri per l’inclusione.

I risultati hanno mostrato un’associazione positiva tra aderenza alla dieta Med e una minore prevalenza di OA. I partecipanti hanno anche riferito una migliore qualità della vita.

Dei biomarcatori analizzati, differenze significative sono state riscontrate solo con IL1-α, che si è ridotto nel gruppo di dieta Med.

Tuttavia, le prove sono limitate e riteniamo che siano necessari ulteriori studi di intervento per valutare l’efficacia a lungo termine della dieta Med nel migliorare i sintomi dell’OA e / o prevenire il disturbo.

Vogliamo evidenziare che, ad oggi, nel nostro paese non sono stati condotti studi randomizzati e controllati per fornire prove scientifiche sufficienti per formulare raccomandazioni dietetiche alla popolazione sugli effetti benefici della dieta Med nella prevenzione dell’OA.

Pertanto, riteniamo che un intervento dietetico basato sulla dieta tradizionale Med, integrata con olio d’oliva e noci, sia un approccio sostenibile ed efficace a lungo termine per la perdita di peso nei pazienti con OA delle ginocchia.

Può migliorare la qualità della vita del paziente, migliorare la mobilità articolare e ridurre il dolore. La riduzione del peso e l’effetto anti-infiammatorio della dieta Med potrebbero essere due meccanismi attraverso i quali la dieta Med riduce la progressione dell’OA.


Tratto da
Mediterranean Diet and Osteoarthritis. Romera Baures M, Morales Ivorra I.Reumatol Clin. 2019 maggio-giugno; 15 (3): 125-126

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!