NEW

Colazione del mattino? Si, grazie!

Pedagogicamente parlando, la colazione del mattino, è una grande opportunità che si basa su diversi fattori importanti, in primo luogo per dare l'esempio. Un genitore che mangia bene - in altre parole, che evita gli spuntini tra i pasti, chi mette molta frutta e...

Le vitamine come nutrienti

Anche i micro-costituenti della dieta, quali le vitamine, la cui scarsa introduzione fino a qualche decennio fa era causa di deficit o addirittura di vere e proprie sindromi carenziali, hanno risentito favorevolmente del cambiamento delle abitudini alimentari da...

Dieta mediterranea e ipertensione arteriosa.

Uno stile di vita sano è una strategia fondamentale per ridurre l'ipertensione arteriosa e la dieta è l'elemento mutevole con l'effetto più forte sulla pressione arteriosa (BP). È dimostrato che il modello della dieta mediterranea (MedDiet) può migliorare la funzione...

Latte, tra siero e lattosio

Si spiega così perché non siamo ancora completamente adattati dal punto di vista genetico, tanto che si stima che circa il 50% della popolazione italiana sia intollerante al lattosio, lo zucchero principale del latte. Queste persone mostrano una carenza dell’enzima...

Malattie nasali e sinusali

La questione medica delle malattie nasali e sinusali comporta sempre più spesso l'uso di farmaci locali, che offrono la capacità di fornire alte concentrazioni evitando fastidiosi effetti sistemici. Dato il ruolo cruciale che le terapie topiche giocano in molte...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Burro? Ma anche no

Il burro si ottiene dalla sbattitura meccanica del latte.
Ingloba una parte di acqua.

Ha un contenuto in grasso pari all’85%

100 grammi di burro contengono la stessa quantità di colesterolo di un uovo di gallina.
Su 10 grammi di burro circa 8,3 g sono costituiti da grasso, di cui circa 5 g di grassi saturi.

Ma di questi ultimi, almeno un grammo è costituito da acido stearico. Questo è un grasso che, entrato in circolo, si trasforma in acido oleico.
Un altro grammo è costituito da acidi grassi a catena corta (fino a 10 atomi di carbonio), che nell’organismo non contribuiscono minimamente a rendere problematico il metabolismo dei grassi circolanti e che sono utilizzati come fossero carboidrati.

Gli altri grassi sono costituiti da 3, 1 g di acidi grassi insaturi, proprio come quelli dell’olio di oliva.

Meglio non cuocerlo

Il burro, anche quello “leggero” non dovrebbe essere cotto perché si riduce la quantità di vit. A.
Inoltre si trasforma in acrolina, prodotto di degrado irritante e a lungo andare tossico.

L’olio extravergine di oliva è comunque il condimento da preferire

Pitzalis, Lucibello: Mangiare informati. Franco Angeli

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!