NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Probiotici e Covid-19

Qin Yan Gao et al. Journal of Digestive Diseases https://doi.org/10.1111/1751-2980.12851

Da dicembre 2019, diversi casi di polmonite di eziologia sconosciuta sono stati segnalati a Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina.

Il 7 gennaio 2020, un nuovo coronavirus è stato identificato da un campione di tampone della gola di un paziente dal Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, e successivamente è stato nominato coronavirus (COVID ‐ 19) nel 2019 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

È noto che 6 specie di coronavirus causano malattie umane, tra cui la grave sindrome respiratoria acuta coronavirus (SARS-CoV) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) sono entrambe di origine zoonotica, che possono causare gravi malattie respiratorie e alta mortalità.

In questo senso il COVID-19 è il settimo.

L’analisi filogenetica del genoma virale completo (29 903 nucleotidi) ha dimostrato che il COVID-19 è più strettamente correlato (89,1% di somiglianza nucleotidica) con un gruppo di coronavirus simili alla SARS.

Questo fatto potrebbe in parte spiegare il comportamento di questo nuovo coronavirus nell’infezione umana.

Studi retrospettivi di Wuhan, Cina, hanno indicato che le principali manifestazioni cliniche di COVID-19 sono febbre, tosse e dispnea.

I sintomi meno comuni includono la produzione di espettorato, mal di testa, emottisi e alcuni sintomi gastrointestinali.

Sembra che i sintomi gastrointestinali, come la diarrea (2% ‐10,1%) e la nausea e il vomito (1% ‐3,6%), al momento non sono molto comuni.

Tuttavia, una percentuale significativa di pazienti presentava inizialmente quei sintomi gastrointestinali atipici.

Vi sono prove non solo della trasmissione da animale a uomo, ma della trasmissione da uomo a uomo di COVID-19 tra contatti stretti o attraverso aerosol carichi di virus.

Sebbene siano necessarie ulteriori prove, Zhang et al. del People’s Hospital dell’Università di Wuhan hanno riportato la presenza di acidi nucleici virali nei campioni fecali e tamponi anali di pazienti con COVID-19 (Wei Zhang et al. Molecular and Serological Investigation of 2019-nCoV Infected Patients: Implication of Multiple Shedding Routes. Emerg Microbes Infect. 2020 Feb 17;9(1):386-389).

Pertanto, esiste la possibilità di trasmissione fecale-orale nell’infezione COVID-19.

È necessario prestare maggiore attenzione all’igiene delle mani e alla disinfezione del vomito, delle feci e di altri liquidi corporei dei pazienti.

Precedenti studi hanno scoperto diversi recettori ai quali si legano diversi coronavirus, come l’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) per SARS-CoV.

L’ACE2 è noto per essere abbondante nell’epitelio dei polmoni e dell’intestino nell’uomo, il che potrebbe migliorare l’evidenza di questa possibile via per COVID-19. Pertanto, ipotizziamo che COVID-19 possa, in una certa misura, essere correlato al microbiota intestinale.

Tuttavia, la connessione tra il polmone e il tratto gastrointestinale non è completamente compresa.

È noto che il tratto respiratorio ospita il proprio microbiota, ma i pazienti con infezioni respiratorie hanno generalmente disfunzioni intestinali o complicanze secondarie di disfunzione intestinale, che sono correlate a un decorso clinico più grave della malattia, indicando così un rapporto tra intestino e polmone.

Questo fenomeno può essere osservato anche nei pazienti con COVID-19.

Numerosi studi hanno dimostrato che il microbiota intestinale può ridurre l’enterite e può invertire alcuni effetti collaterali della terapia.

Non vi sono prove cliniche dirette che la modulazione del microbiota intestinale svolga il ruolo terapeutico nel trattamento del COVID-19, ma ipotizziamo che il targeting del microbiota intestinale possa essere una nuova opzione terapeutica o almeno una scelta terapeutica adiuvante.

All’inizio di febbraio, la guida stabilita dalla Commissione nazionale per la salute cinese e dalla National Administration of Traditional Chinese Medicine raccomanda che nel trattamento di pazienti con grave infezione da COVID-19, i probiotici possano essere utilizzati per mantenere l’equilibrio della microecologia intestinale e prevenire l’infezione batterica secondaria, il che dimostra che il governo cinese e il personale medico di prima linea accettano l’importanza del ruolo del microbiota intestinale nell’infezione COVID-19.

Sebbene finora non sia stato raccomandato alcun trattamento antivirale specifico, ipotizziamo che i probiotici possano modulare il microbiota intestinale per alterare favorevolmente i sintomi gastrointestinali e proteggere anche il sistema respiratorio.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!