NEW

COVID-19 in Pediatria. A cosa prestare attenzione

Covid-19 in Pediatria La maggior parte dei bambini era asintomatica (13,1%) o presentava una malattia lieve (62,3%), mentre 11 (8,5%) aveva una malattia moderata, 11 (8,5%) aveva una malattia grave e 9 (6,9%) aveva una presentazione critica. La febbre è stata...

Dieta mediterranea: di cosa parliamo.

Ci sono stati molti indici proposto per la valutazione della dieta mediterranea. Gli indici di qualità della dieta sono strumenti mirati nel quantificare la conformità a un modello dietetico definito. Questi indici sono una misura combinata della dieta fattori (gruppi...

La storia della nutrizione – prima parte

Storia della nutrizione La dieta dei nostri precursori era rappresentata da vegetali ed animali. Questo per soddisfare (ancora oggi) il fabbisogno umano in proteine e lipidi di circa 1gr/kg di peso corporeo ciascuno e di circa 100 gr di glucidi al giorno. Pochi...

Covid-19: Il rientro a scuola

A causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 ha vissuto per un lungo periodo una preoccupazione collettiva di enorme portata, è rimasto chiuso in casa e ha dovuto fronteggiare esperienze inedite a livello individuale, interpersonale e sociale. Ciascuno ha vissuto...

Carenza di vitamina D

L'infanzia è un periodo durante il quale maturano i sistemi immunitari innati e adattativi, a partire dalla nascita per questo è importante controllare la carenza di vitamina D. Carenza di vitamina D Nell'infanzia, c'è un alto rischio di infezioni del tratto...

Basso livello di vitamina D3

Un basso livello di vitamina D3 nel plasma 25 (OH) è associato ad un aumentato rischio di infezione da COVID-19: uno studio israeliano basato sulla popolazione.

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review.

Che cos’è una prestampa non revisionata?

Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da “peer review”.

In questo processo, i redattori della rivista ricevono la consulenza di vari esperti, chiamati “arbitri”, che hanno valutato il documento e possono identificare punti deboli nelle sue ipotesi, metodi e conclusioni.

In genere una rivista pubblicherà un articolo solo una volta che gli editori saranno soddisfatti del fatto che gli autori hanno affrontato le preoccupazioni degli arbitri e che i dati presentati supportano le conclusioni tratte nel documento.

Poiché questo processo può essere lungo, gli autori utilizzano il servizio medRxiv per rendere disponibili i loro manoscritti come “prestampe” prima della certificazione mediante peer review, consentendo altri scienziati per vedere, discutere e commentare immediatamente i risultati.

I lettori dovrebbero pertanto essere consapevoli del fatto che gli articoli su medRxiv non sono stati finalizzati dagli autori, potrebbero contenere errori e riportare informazioni che non sono state ancora accettate o approvate in alcun modo dalla comunità scientifica o medica.

Invitiamo inoltre i giornalisti e altre persone che riferiscono alla ricerca medica al pubblico a considerare questo aspetto quando discutono del lavoro che appare sulle prestampe di medRxiv e sottolineiamo che deve ancora essere valutato dalla comunità medica e le informazioni presentate potrebbero essere errate.

  • Obiettivo: valutare le associazioni dello stato plasmatico 25 (OH) D con la probabilità di infezione da coronavirus (COVID-19) e il ricovero in ospedale.
  • Metodi: la popolazione dello studio includeva i 14.000 membri di Leumit Health Services che erano stati testati per l’infezione da COVID-19 dal 1 ° febbraio al 30 aprile 2020 e che avevano almeno un precedente esame del sangue per il livello di 25 (OH) D nel plasma.

Il livello di plasma 25 (OH) D “non ottimale” o “basso” è stato definito come plasma 25-idrossivitamina D, o 25 (OH) D, concentrazione inferiore a 30 ng / mL.

  • Risultati: di 7.807 individui, 782 (10,1%) erano COVID-19 positivi e 7.025 (89,9%) COVID-19 negativi.

Il livello medio di vitamina D nel plasma era significativamente più basso tra coloro che erano risultati positivi che negativi per COVID-19 18,41-19,59) rispetto a 20,55 (IC al 95% 20,32-20,78)].

L’analisi univariata ha dimostrato un’associazione tra basso livello plasmatico 25 (OH) D e aumento della probabilità di infezione da COVID-19 e di ricovero a causa di il virus SARS-CoV-2 .

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.07.01.20144329v1

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!