NEW

Sindrome da morte improvvisa infantile

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente...

Tolleranza gastrointestinale

Tolleranza gastrointestinale. L'allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino. Ogni...

Creatina per il trattamento della depressione

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina...

Antibiotici e celiachia

Antibiotici e Celiachia. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Creatina per il trattamento della depressione

Il disturbo depressivo maggiore (MDD) e le sindromi associate, come il disturbo distimico e la depressione bipolare, hanno un impatto su una frazione sostanziale di bambini e adulti a livello globale.

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI), circa il 53% delle persone con depressione non riesce a rispondere positivamente alla terapia farmacologica.

Allora le terapie che possono essere utili per la depressione refrattaria al trattamento, come la terapia elettroconvulsivante o la ketamina, non sono ampiamente disponibili e comunque non innocue.

La maggior parte degli antidepressivi convenzionali altera il rilascio o la ricaptazione dei neurotrasmettitori monoaminici serotonina, norepinefrina e dopamina.

L’efficacia limitata degli antidepressivi convenzionali e la disponibilità limitata di trattamenti più nuovi con meccanismi diversi dimostrano insieme una necessità cruciale di identificare interventi antidepressivi con diversi meccanismi di azione che hanno anche il potenziale per essere accessibili a molti pazienti.

In particolare, numerosi ricercatori hanno iniziato a esaminare il potenziale antidepressivo di composti che potrebbero migliorare la bioenergetica cerebrale, ovvero i processi di immagazzinamento, trasporto e utilizzo dell’energia cerebrale.

In particolare, c’è stato un crescente interesse per la possibile efficacia antidepressiva della creatina (N-aminoiminometil-N-metilglicina).

La creatina è un acido organico sintetizzato dagli aminoacidi arginina, glicina e metionina.

È anche derivato dalla dieta, in particolare da cibi contenenti carne e pesce.

È sintetizzato nel cervello in misura limitata, ma i livelli cerebrali sono principalmente mantenuti dal trasporto attivo dal siero attraverso il trasportatore della creatina.

Il cervello è un organo energeticamente esigente e rappresenta circa il 20% del consumo di energia del corpo a riposo, anche se rappresenta circa il 2% della massa corporea.

Il ruolo meglio caratterizzato della creatina nel metabolismo energetico è come tampone energetico: la creatina viene convertita in fosfocreatina (PCr) dalla reazione della creatina chinasi, immagazzinando così l’energia in una forma più stabile di quella fornita dall’adenosina trifosfato (ATP).

La reazione della creatina chinasi si verifica nei muscoli e nel cervello.

La creatina funge anche da “navetta energetica”, poiché la sua velocità di diffusione intracellulare più rapida rispetto all’ATP; significa che è in grado di trasportare in modo più efficiente l’energia dai siti in cui viene sintetizzata (ad esempio, i mitocondri) ai siti in cui viene utilizzata (ad esempio, la membrana neuronale).

La creatina chinasi è più ampiamente espressa nelle regioni del cervello che mostrano livelli di attività più elevati, come l’ippocampo e il cervelletto.

Molteplici fonti di evidenza, da epidemiologia, genetica, biochimica e neuroimaging, indicano che le anomalie bioenergetiche contribuiscono allo sviluppo sia di sintomi depressivi maggiori (MDD) che nel disturbo bipolare (BD).

Insieme, suggeriscono che i composti che potrebbero migliorare l’accumulo di energia cerebrale, come la creatina, potrebbero contribuire al trattamento della depressione.

Molte condizioni cliniche associate a un ridotto accumulo di energia e alla sintesi bioenergetica sono anche associate alla depressione.

La depressione affligge frequentemente le persone che soffrono di malattie mediche croniche, incluso il diabete di tipo 1 e di tipo 2. La depressione è tre volte più diffusa nelle persone con diabete di tipo 1 rispetto alla popolazione generale e due volte più comune nel diabete di tipo 2.

Sebbene le apparenti associazioni tra depressione e diete vegetariane o vegane possano essere correlate a carenze nutrizionali, comprese carenze di assunzione di creatina, ci sono prove che l’integrazione di creatina può migliorare le prestazioni cognitive nei vegetariani.

Le condizioni mediche associate all’ipossia relativa, come l’asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), sono associate ad un aumento dei tassi di depressione e suicidio.

Il fumo di sigaretta, che causa un’ipossia relativa indipendentemente dalle malattie polmonari associate, è anche collegato ad un aumento del rischio di suicidio e depressione. Negli adolescenti, il fumo aumenta le probabilità di sviluppare la depressione di 1,7 volte rispetto ai non fumatori.

Il fumo attuale negli adulti è collegato in modo dose-dipendente all’aumento dei tassi di suicidio; l’astinenza a lungo termine riduce questo rischio, mentre la ricaduta precede un ritorno ad alto rischio.

L’asma scarsamente controllata è anche associata a una maggiore incidenza di tassi di suicidio rispetto all’asma ben controllato, e i tassi di suicidio per gli adolescenti con asma sono più del doppio di quelli degli adolescenti senza asma.

Vi sono anche ampie e crescenti evidenze accumulate che la maggiore altitudine di residenza, che può essere associata a ipossia relativa cronica, è un fattore di rischio per la depressione, il suicidio e gli esiti psichiatrici avversi correlati.

La prova che il metabolismo della creatina cerebrale e della fosfocreatina è alterato nella depressione ha suggerito l’impiego della creatina come antidepressivo.

La creatina monoidrato, la forma di creatina più comune disponibile in commercio, ha la capacità di alterare i livelli di creatina nel cervello.

L’ingestione di 20 g al giorno di creatina per un mese ha aumentato i livelli di creatina cerebrale, in media, del 4,7% nella materia grigia e dell’11,5% nella sostanza bianca cerebrale.

Negli studi sull’uomo, la creatina è stata ampiamente studiata per il trattamento di condizioni neuropsichiatriche diverse dalla depressione, in particolare malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson (PD) e la malattia di Huntington (HD), così come in altri disturbi neuromuscolari.

Le persone con depressione possono mostrare stanchezza mentale e ci sono somiglianze fenomenologiche tra stanchezza mentale e depressione.

La creatina ha anche dimostrato di migliorare le prestazioni cognitive nelle persone soggette a privazione del sonno.

I soggetti che hanno ricevuto 20 g di creatina al giorno hanno mostrato un declino significativamente inferiore delle prestazioni cognitive, delle prestazioni motorie e dello stato dell’umore rispetto ai soggetti che avevano ricevuto il placebo dopo 24 ore di privazione del sonno.

In conclusione:

la creatina è un acido organico presente in natura che funge da tampone energetico e navetta energetica nei tessuti, come il cervello e il muscolo scheletrico.

Le prove, derivanti da una varietà di studi scientifici, che la bioenergetica cerebrale è alterata nella depressione e nei disturbi correlati è in aumento.

Studi clinici in condizioni neurologiche, come il morbo di Parkinson, hanno indicato che la creatina potrebbe avere un effetto antidepressivo e studi clinici iniziali sui disturbi depressivi, in particolare il disturbo depressivo maggiore, indicano che la creatina può avere un importante effetto antidepressivo.

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6769464/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!