NEW

Celiachia

La Celiachia: Deriva da una risposta immunitaria inappropriata mediata da cellule T al glutine ingerito che causa danni immuno-mediati all'intestino tenue in persone geneticamente predisposte. Il danno alla mucosa prossimale dell'intestino tenue porta al...

L’ostruzione nasale

L'ostruzione nasale (NO) è definita come la percezione soggettiva di disagio o difficoltà nel passaggio dell'aria attraverso le narici. È un motivo comune per la consultazione nelle cure primarie e specialistiche e può interessare fino al 30% - 40% della popolazione....

Iperattività dei bambini

Iperattività dei bambini. Gli estratti di radice di valeriana e melissa hanno dimostrato in precedenza efficacia e ottima tollerabilità nei bambini al di sotto dei 12 anni che soffrono di irrequietezza e insonnia. Abbiamo ora esaminato se il trattamento con una...

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS).

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). Data la mancanza di un biomarcatore per la diagnosi di NCGS, c'è la necessità di standardizzare la procedura che porta alla conferma della diagnosi. Sebbene l'NCGS sia attivato dai cereali contenenti glutine,...

Qualità del sonno nell’obesità

Qualità del sonno nell'obesità. I disturbi del sonno (SD) sono un riscontro comune nell'obesità. L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è il tipo più diffuso di disturbo del sonno correlato all'obesità, che a sua volta rappresenta un fattore di rischio per diverse...

Covid-time

Supplementazione di vitamina B su sintomi depressivi, ansia e stress. Una meta-analisi.

Covid-time. Vi è un crescente consenso sul fatto che lo stato dei nutrienti sia un importante fattore modificabile in molte condizioni neurologiche e psichiatriche.

Questa recensione fornisce la prova che la supplementazione di vitamina del gruppo B (da sola o con un multivitaminico) può anche giovare all’umore in individui sani e a rischio.

Covid-time

L’umore è uno stato mentale emotivo che può fluttuare sia in modo acuto che nel tempo.

L’esperienza dell’umore di un individuo dipende sia da fattori “situazionali” esogeni che da fattori “disposizionali” intrinseci, che si presume coinvolgano processi fisiologici endogeni come fluttuazioni di ormoni, neurotrasmettitori e nutrienti.

All’interno della psichiatria esistono soglie cliniche per la diagnosi dei disturbi dell’umore.

Il Global Burden of Disease Study 2010 ha riportato che il 18,9% di tutti gli anni vissuti con una disabilità potrebbe essere attribuito a disturbi mentali.

Covid-time. Condizioni come depressione, distimia e ansia pongono un grande fardello sul sistema sanitario poiché rappresentano una percentuale significativa del carico di malattia del mondo.

Chiaramente, ci sono anche variazioni naturali dell’umore all’interno della popolazione sana, soprattutto in questo periodo pandemico, anche all’interno di alcuni individui che sono predisposti a tali disturbi.

Negli ultimi due decenni, l’influenza della dieta sulla salute del cervello è stata considerata un fattore di rischio modificabile per prevenire i disturbi dell’umore.

  • È stato riportato che gli interventi nutrizionali progettati per migliorare la qualità della dieta riducono i sintomi depressivi, indipendentemente dall’autoefficacia e dai livelli di attività fisica.
  • Numerosi studi osservazionali indicano una relazione tra una cattiva alimentazione e un peggioramento della salute mentale.
  • Molti degli alimenti considerati per migliorare la “qualità della dieta” e, implicitamente, l’umore, assomigliano agli alimenti della “dieta mediterranea”. Questi includono carni magre, pesce, verdure a foglia verde, legumi e noci. A questo proposito è interessante notare che tali gruppi di alimenti sono ricchi di vitamine del gruppo B, aumentando la possibilità che la relazione tra l’umore e le abitudini alimentari possa essere mediata, in parte, dall’assunzione di questi micronutrienti.
  • Le carenze di questi micronutrienti, come la vitamina B12 o il folato, sono associate a un aumento del rischio e dell’incidenza di depressione.

Il ruolo fondamentale delle vitamine del gruppo B come cofattori nei processi cellulari come i cicli di metionina e folato costituisce la base per ipotesi che collegano lo stato della vitamina B con l’umore.

Covid-time. Le vitamine B6, B12 e il folato sono comunemente riconosciute come cofattori delle reazioni enzimatiche nei cicli di metionina e folato.

Pertanto, le carenze in uno o più di questi nutrienti possono limitare queste vie metaboliche, il che si traduce nell’accumulo di omocisteina.

L’ipotesi che l’iper-omocisteinemia sia un fattore di rischio per il cattivo umore è rafforzata da uno studio che riporta che fino al 30% dei pazienti depressi ha livelli elevati di omocisteina.

A questo proposito, ci si aspetterebbe che l’integrazione con vitamine del gruppo B progettate per ridurre l’omocisteina sostenga i benefici per i risultati dell’umore.

Attraverso il loro ruolo nel metabolismo di un carbonio, le vitamine del gruppo B agiscono come cofattori nella sintesi e regolazione dei neurotrasmettitori dopaminergici e serotoninergici.

Entrambi questi neurotrasmettitori sono implicati nella regolazione dell’umore, così come nella depressione clinica e nell’ansia.

In quanto tali, entrambi sono obiettivi comuni per i farmaci antidepressivi.

L’integrazione di vitamina B può, quindi, offrire un trattamento alternativo o aggiuntivo alle cure standard finalizzate all’ottimizzazione dell’umore attraverso la modulazione della funzione dei neurotrasmettitori.

Un tale approccio può avere un minor rischio di effetti collaterali avversi rispetto agli attuali antidepressivi.

Complessivamente l’analisi degli effetti sull’umore generale e la focalizzazione su depressione, ansia e stress si sono rivelati un approccio fruttuoso.

Più della metà degli studi inclusi in questa revisione che utilizzavano campioni a rischio hanno riscontrato un beneficio dell’integrazione per i risultati dell’umore.

Un avvertimento importante da considerare nella ricerca sugli integratori è che l’integrazione con singoli nutrienti non può, in alcun modo, imitare la complessità della dieta.

D’altra parte è indubbio il legame esistente tra dieta e umore.

La presente revisione fornisce prove del beneficio dell’integrazione di vitamina B in popolazioni sane e a rischio di stress.

Il beneficio per i sintomi depressivi non è riuscito a raggiungere la significatività statistica (p = 0,07) e non c’era alcun beneficio per l’ansia.

Dato che sono solubili in acqua e ben tollerate, il potenziale per le vitamine del gruppo B di riparare le carenze nutrizionali non soddisfatte attraverso la dieta è promettente e offre un approccio preventivo per mantenere l’umore.

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6770181/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!