NEW

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Pediatra, dove stai andando?

Pediatra, dove stai andando? È indubbio che la medicina, negli ultimi 40 anni, ha beneficiato di un enorme volume di conoscenze. Noi attualmente abbiamo le risorse tecniche per diagnosticare un numero impressionante di malattie, ma non siamo ancora capaci di curarne...

I nitrati alimentari e attività sportiva agonistica . L’importanza della Barbabietola

I nitrati sono composti costituiti da un atomo di azoto e tre di ossigeno (NO3). La maggiore fonte dei nitrati alimentari non proviene come si pensa dagli insaccati ma dai vegetali, quelli maggiormente ricchi, avendo un contenuto per kg di prodotto vegetale superiore...
vinci-partners

COVID-19 in Pediatria. A cosa prestare attenzione

In questo studio descrittivo, riportiamo 130 bambini con COVID-19 confermato diagnosticato da 28 centri (principalmente ospedali), in 10 regioni in Italia, durante i primi mesi della pandemia.

Covid-19 in Pediatria

  • La maggior parte dei bambini era asintomatica (13,1%) o presentava una malattia lieve (62,3%), mentre 11 (8,5%) aveva una malattia moderata, 11 (8,5%) aveva una malattia grave e 9 (6,9%) aveva una presentazione critica.
  • La febbre è stata registrata in 67 bambini (51,5%).
  • L’altro sintomo più comune era la tosse, secca (29,2%) o produttiva (12,3%).
  • La rinorrea è stata osservata in 25 (19,2%).
  • Difficoltà respiratoria è stato osservato in 17 (13,0%).
  • Vomito è stato segnalato in 15 (11,5%) e diarrea in 10 (7,6%).

Altri segni o sintomi includevano mal di gola (6,9%), dolori toracici (3%), ipo-reattività (ad esempio sonnolenza) o iper-reattività (ad esempio pianto eccessivo) (3%), convulsioni febbrili (1,5%) e dolore agli arti inferiori (1,5%).

Tra i 41 (31,5%) bambini con radiografia del torace, 17 (41,5%) hanno mostrato opacità a vetro smerigliato, 15 (36,6%) hanno presentato una radiografia negativa e 4 (9,8%) hanno avuto un consolidamento focale.

Cinquantacinque (42,3%) bambini sono stati curati a casa e 75 (57,7%) sono stati ricoverati in ospedale.

(fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7269687/)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!