NEW

Sensibilità al glutine non celiaca

Mentre la celiachia e l'allergia al grano sono disturbi ben noti con una diagnosi chiara basata su test clinici e parametri biologici, la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è una diagnosi più difficile, specialmente nei bambini con disturbi gastrointestinali...

Food delivery

Food delivery. Parliamoci chiaro. La cucina è ancora il centro della casa, legata alla famiglia e agli affetti, il luogo in cui si preparano i cibi, in cui ci si ritrova per mangiare e non solo? E ancora, dove sta andando la cucina italiana? Parliamone qui visto che...

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene. In questo studio di coorte su 6280 famiglie con casi pediatrici, le probabilità aggiustate di trasmissione familiare da parte di bambini di età compresa tra 0 e 3 anni erano 1,43 rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e...

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini: quale rapporto?

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall'asma nei bambini. Durante l'infanzia, l'infezione da SARS-CoV-2 sembra essere meno comune, e la malattia è generalmente più mite. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che, anche quando si presenta con sintomi...

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L'obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell'attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ. Ciò significa...
vinci-partners

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L’obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell’attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ.

Ciò significa che, rispetto agli individui di peso sano, gli obesi hanno una maggiore suscettibilità a una serie di infezioni batteriche, virali e fungine, e una risposta più scarsa alla vaccinazione.

L’impatto dell’obesità è stato ben esplorato in relazione all’infezione influenzale e alla vaccinazione contro l’influenza.

Durante la pandemia del virus dell’influenza A H1N1 del 2009, gli individui obesi hanno mostrato risposte antivirali ritardate e indebolite alle infezioni e hanno mostrato una guarigione più scarsa dalla malattia rispetto agli individui di peso sano.

Studi su animali e casi studio sull’uomo mostrano che l’obesità è associata alla diffusione prolungata del virus dell’influenza, indicando una compromissione del controllo virale e dell’uccisione e l’emergere di varianti virulente minori.

Obesità e Covid-19. In particolare, rispetto agli individui di peso normale, gli individui obesi vaccinati hanno il doppio del rischio di influenza o malattia simil-influenzale, indicando una protezione più scarsa dalla vaccinazione negli obesi.

L’esposizione delle cellule immunitarie del sangue al vaccino ha aumentato il numero di linfociti T citotossici attivati, il numero di linfociti T citotossici che esprimono granzyme e il numero di linfociti T citotossici che producono IFN-γ.

Tuttavia, le risposte delle cellule di individui obesi sono state attenuate rispettivamente del 40%, quasi il 60% e il 65%.

Le cellule di individui in sovrappeso hanno mostrato risposte intermedie tra quelle di individui di peso sano e obesi.

Paradossalmente, l’obesità è anche collegata ad un aumento delle concentrazioni ematiche di molti mediatori infiammatori, uno stato di infiammazione cronica di basso grado.

Si ritiene che questo stato contribuisca a un aumento del rischio di condizioni croniche di invecchiamento e può predisporre a montare una risposta infiammatoria eccessiva quando infettato.

Pertanto, l’obesità può essere un fattore che predispone a COVID-19 più grave; a sostegno di ciò, un rapporto francese ha rilevato che l’85,7% degli individui obesi infetti da SARS-CoV-2 necessitava di ventilazione meccanica rispetto al 47,1% degli individui infetti di peso sano.

Per tutti questi buoni motivi, soprattutto ora in corso di Pandemia, è il caso di mangiare in maniera consapevole, cercando di mantenere il nostro giustopeso.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33230497/C

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!