NEW

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite. In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all'istruzione in presenza. Covid-19 e i bambini....

Il nichel: onnipresente ma sconosciuto

Il nichel (Ni) appartiene agli elementi ferromagnetici, ed è naturalmente presente nella crosta terrestre solitamente in combinazione con ossigeno e zolfo sotto forma di ossidi e solfuri. In mare ci sono circa otto miliardi di tonnellate di Ni. Grazie alle sue...

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...
vinci-partners

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Quali preoccupazioni per il benessere dei bambini?

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite.

In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all’istruzione in presenza.

Covid-19 e i bambini. Questa situazione ha costretto gli educatori di tutto il mondo a passare a una modalità di insegnamento online e i bambini sono costretti a studiare online a casa.

I punti di forza e le opportunità dell’apprendimento online sono innegabili.

Ad esempio, consente flessibilità di tempo e luogo per soddisfare un vasto pubblico di qualsiasi età.

Inoltre, l’apprendimento online può essere considerato un grande sollievo per i genitori in quanto aiuta i figli a continuare la loro istruzione online e li tiene occupati.

Nonostante i numerosi vantaggi dell’apprendimento online, in che modo l’esposizione prolungata allo schermo può influenzare lo sviluppo del cervello e il benessere della nostra generazione più giovane?

  • Considerando le preoccupazioni per lo sviluppo e la salute dell’uso dei media basati sullo schermo, l’American Academy of Pediatrics nel 2016 ha raccomandato di limitare l’uso dello schermo per i bambini di età superiore ai 2 anni a non più di 1 ora al giorno.Tuttavia, quando i bambini sono costretti a rimanere a casa durante la pandemia, il tempo trascorso davanti allo schermo della maggior parte dei bambini è aumentato notevolmente.

Poiché le reti cerebrali dei bambini si stanno rapidamente sviluppando, la situazione attuale richiede la nostra considerazione.

Covid-19 e i bambini. Precedenti studi hanno dimostrato che l’aumento del tempo davanti allo schermo è associato a disattenzione e problemi di autoregolazione tra i bambini in età prescolare.

In particolare, un recente studio ha trovato un’associazione inversa tra l’uso dei media basati su schermo e l’integrità microstrutturale dei tratti di sostanza bianca del cervello (che supportano il linguaggio, le funzioni esecutive e le abilità di alfabetizzazione emergente) in bambini dai 3 ai 5 anni.

Un altro studio ha rivelato che l’aumento dei livelli di tempo davanti allo schermo all’età di 2 e 3 anni era significativamente correlato a prestazioni inferiori nei test di screening dello sviluppo all’età di 3 e 5 anni, rispettivamente.

L’esposizione prolungata davanti allo schermo può essere quindi fonte di preoccupazione per il benessere dei bambini.

I problemi del sonno e l’insorgenza della miopia sono alcuni degli altri esiti negativi legati all’aumento dell’uso dello schermo e dei comportamenti sedentari.

L’esposizione alla luce blu la sera sopprime la produzione di melatonina, che influisce sull’inizio del sonno e riduce la durata del sonno.

A partire dal COVID-19, c’è una forte tendenza in aumento nell’uso di diverse applicazioni online come il software di videoconferenza, ed è prevedibile che tali applicazioni online saranno sempre più comuni e ampiamente utilizzate nel campo dell’istruzione nel prossimo futuro.

D’altra parte, i risultati della ricerca recente hanno chiaramente suggerito gli effetti negativi del tempo trascorso davanti allo schermo sullo sviluppo del cervello e sul benessere della nostra generazione più giovane.

Questa situazione dovrebbe essere attentamente affrontata e riconsiderata.

Aumentare la consapevolezza tra le diverse parti, compresi i responsabili politici, gli operatori sanitari, le scuole e i genitori è la chiave per mitigare la situazione.

Fonte:
https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpubh.2021.700401/full

Precedenti

Share This

Share this post with your friends!