NEW

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell'identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari. Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o...

Vitamina C e Covid-19

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche. Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che...

Olio extravergine di oliva: what else?

Olio extravergine di oliva (EVO). Chi non conosce? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Per olio extravergine di oliva si intende un olio ottenuto...

Latte materno

Latte materno: come allattare. Nella posizione classica la madre deve stare seduta comodamente, su una sedia bassa o con i piedi poggiati su uno sgabello, in modo che le ginocchia rimangano sollevate, affinché le gambe sostengano il bambino. La madre non deve...

Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei

Ed essa, già da sola, indirizza la differenziazione delle famiglie batteriche verso specifici enterotipi che appaiono correlati a determinate abitudini alimentari. Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei! Dato che dalla composizione del microbiota (l’insieme dei...

COVID-19 e allergia alimentare nei bambini

I pazienti con allergie alimentari sono generalmente sani, fatta eccezione per le comorbidità concomitanti.

Per ridurre l’esposizione dei pazienti durante una pandemia, le visite di follow-up devono essere posticipate, a meno che non vengano segnalati nuovi eventi clinici come reazioni sistemiche gravi, che suggeriscono una nuova allergia alimentare.

Qualsiasi nuovo deferimento ai fini di una prova di dieta di eliminazione può essere ritardato, a meno che non si sospetti una reazione mediata da IgE, una Food Protein-Induced Enterocolitis Syndrome (FPIES) o una esofagite eosinofila.

Maggiore attenzione e priorità dovrebbe essere data ai pazienti affetti da anafilassi idiopatica ricorrente.

In un contesto di pandemia, a meno che non vi sia una necessità nutrizionale critica per l’introduzione di un nutriente fondamentale, come nel caso di neonati e bambini con sospetti di allergia al latte vaccino, è probabile che tutte le “sfide alimentari” vengano rimandate.

Un trattamento medico dovrebbe essere intrapreso anche quando si sospetta che un bambino non tolleri il latte formulato o ogni volta che si sospetta fortemente una diagnosi errata di allergia, così da essere in presenza di una dieta di eliminazione non necessaria.

In tutte le altre situazioni, come nei casi di ingestione sintomatica incerta, si può seguire la dieta di eliminazione prescritta per l’eczema e l’esofagite eosinofila, la reintroduzione del cibo può essere ritardata e possono essere implementati i servizi di telesanità, come alternativa -visite frontali per la valutazione di questi pazienti.

Nei bambini con allergie alimentari (AF), evitare il cibo “incriminato” rappresenta attualmente il cardine del trattamento.

La scelta di alimenti “sicuri” è fondamentale per i bambini allergici e le loro famiglie.

Tuttavia, questo può essere difficile durante una pandemia, quando le persone possono avere difficoltà ad accedere a prodotti allergici specializzati, a causa dell’elevata domanda nei negozi o del basso reddito a causa della pandemia stessa.

Pertanto, può diventare difficile trovare prodotti sicuri per i bambini allergici a uno o più alimenti.

La difficoltà nel reperire prodotti già consumati e tollerati può avere un duplice effetto:

  • il rischio di acquistare prodotti nuovi, sconosciuti che potrebbero non essere sicuri;
  • il rischio di non leggere correttamente le etichette dei prodotti acquistati.

Questi effetti aumentano il rischio potenziale di esposizione all’allergene e qualsiasi reazione anafilattica.

Per questo motivo, è di estrema importanza che i pazienti abbiano un piano d’azione aggiornato per essere in grado di riconoscere e trattare tempestivamente l’anafilassi e portare sempre adrenalina autoiniettabile.

In generale, una dieta di esclusione può portare a carenze nutrizionali che possono dipendere anche dall’età del bambino e dal cibo/alimenti che vengono eliminati.

Le carenze nutrizionali possono verificarsi in particolare con i micronutrienti (oligoelementi, vitamine e minerali), indispensabili per garantire i meccanismi immunologici coinvolti nella risposta alle infezioni.

A questo proposito, è il caso di considerare che:

  • le malattie infettive possono anche portare a una maggiore carenza di vitamina A, diminuendone l’assorbimento e aumentandone l’escrezione. Tutto ciò può avere effetti negativi sia sull’immunità innata che sull’immunità adattativa.
  • Le prove più recenti sottolineano il ruolo della vitamina D nella possibile prevenzione delle infezioni respiratorie e della vitamina C nel ridurre la durata delle infezioni delle alte vie respiratorie, generalmente di origine virale.
  • Una pandemia può portare ad errate abitudini alimentari. Il mancato accesso agli elementi essenziali per una dieta equilibrata può comportare un inadeguato apporto di nutrienti, fondamentale per il funzionamento del sistema immunitario.

I genitori dovrebbero cercare di garantire che il bambino/adolescente che soffre di allergie alimentari consumi una dieta equilibrata e varia, con porzioni adeguate di frutta e verdura, ricche di micronutrienti e vitamine.

Su base individuale, a seconda dell’alimento o dei gruppi di alimenti esclusi dalla dieta, possono essere presi in considerazione integratori vitaminici e/o minerali (es. calcio e vitamina D nei bambini con intolleranza alle proteine del latte vaccino). Studi recenti raccomandano un’assunzione regolare, soprattutto nei bambini in età prescolare.

In particolare, è consigliabile un’integrazione di Vitamina D alla dose di 600-1000 UI/giorno durante una pandemia, che richiede la permanenza in casa con conseguente riduzione dell’esposizione ai raggi solari.

Dosaggi più generosi sarebbero appropriati in presenza di fattori di rischio, come obesità, terapia antiepilettica e pelle scura.

In generale, i pazienti allergici dovrebbero essere rivalutati regolarmente e la dieta adattata alle esigenze nutrizionali di un individuo specifico.

Tuttavia, il monitoraggio di una dieta di eliminazione a breve o lungo termine nei neonati e nei bambini può essere particolarmente difficile durante una pandemia.

Per ridurre l’esposizione dei pazienti, i medici dovrebbero migliorare la telemedicina fornendo consultazioni mediche periodiche per telefono, videochiamate o corrispondenza e-mail, quando possibile.

I pazienti affetti da qualche tipo di allergia alimentare (ad esempio allergia alle arachidi) possono trarre beneficio dall’immunoterapia orale (OIT).

L’OIT richiede molte visite in ospedale per un aumento graduale dell’ingestione della dose di allergeni.

Durante una pandemia, l’avvio di OIT dovrebbe essere posticipato. Se un paziente è sottoposto a OIT, è consigliabile mantenere a casa la stessa dose giornaliera di allergeni fino a quando non vengono fornite nuove indicazioni mediche.

(Fonte https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7569639/)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!