NEW

Celiachia

La Celiachia: Deriva da una risposta immunitaria inappropriata mediata da cellule T al glutine ingerito che causa danni immuno-mediati all'intestino tenue in persone geneticamente predisposte. Il danno alla mucosa prossimale dell'intestino tenue porta al...

L’ostruzione nasale

L'ostruzione nasale (NO) è definita come la percezione soggettiva di disagio o difficoltà nel passaggio dell'aria attraverso le narici. È un motivo comune per la consultazione nelle cure primarie e specialistiche e può interessare fino al 30% - 40% della popolazione....

Iperattività dei bambini

Iperattività dei bambini. Gli estratti di radice di valeriana e melissa hanno dimostrato in precedenza efficacia e ottima tollerabilità nei bambini al di sotto dei 12 anni che soffrono di irrequietezza e insonnia. Abbiamo ora esaminato se il trattamento con una...

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS).

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). Data la mancanza di un biomarcatore per la diagnosi di NCGS, c'è la necessità di standardizzare la procedura che porta alla conferma della diagnosi. Sebbene l'NCGS sia attivato dai cereali contenenti glutine,...

Qualità del sonno nell’obesità

Qualità del sonno nell'obesità. I disturbi del sonno (SD) sono un riscontro comune nell'obesità. L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è il tipo più diffuso di disturbo del sonno correlato all'obesità, che a sua volta rappresenta un fattore di rischio per diverse...

Cosa può fare un bambino in cucina

Senza che noi ce ne accorgiamo, i nostri bambini passano ore e ore ad osservarci e imparano molto.

Cosa può fare un bambino in cucina. Sono affascinati dai nostri gesti e dalle nostre capacità e hanno voglia di imitarci.

Molti di loro sono in grado di fare più cose di quelle che noi ci aspettiamo e meritano di poterlo dimostrare.

Osservando i nostri bambini, lasciandoli provare, capiremo cosa sono in grado di fare e, soprattutto, cosa preferiscono fare.

Come sempre, vale il consiglio di non forzarli a fare cose che a loro non piacciono e di trattenerci il più possibile dall’intervenire nel loro lavoro.

Continue istruzioni del tipo “non si fa così”, “non sporcare”, scoraggerebbero anche il più volenteroso degli apprendisti (e si finisce per litigare).

Piuttosto, possiamo cercare di favorire la loro osservazione lavorando con gesti lenti e ben visibili, aiutandoli solo quando ce lo chiedono o quando utilizzano per la prima volta uno strumento più complicato, come uno schiacciapatate.

Ricordiamoci di ricambiare la loro esuberanza e voglia di partecipare con altrettanta pazienza e capacità di riconoscere l’originalità del loro lavoro.

Anche se abbiamo dubbi sulla effettiva riuscita e soprattutto quando l’imperfezione è solo estetica, cerchiamo il più possibile di non modificare queste “creazioni” perché loro ne sono fieri.

Al momento di mangiarle, ognuno cercherà il proprio biscotto, il proprio raviolo, e non deve restare deluso.

Quando invece la modifica è assolutamente necessaria, non facciamola di nascosto ma spieghiamo il perché dell’intervento.

La lista che segue riassume le abilità dei bambini che noi conosciamo. Nessuno di loro, naturalmente, è capace di fare tutte le cose elencate.

Cosa può fare un bambino in cucina. Prima dei due anni

Da soli:

  • pelare l’aglio e la cipolla;
  • lavare la verdura;
  • spezzare le foglie d’insalata.

Con l’aiuto dell’adulto:

  • sbucciare mandarini (la buccia va intaccata dall’adulto);
  • salare (l’adulto si mette la dose giusta sul palmo della mano);
  • pulire i fagioli (l’adulto apre il baccello da una parte in modo che il bambino possa afferrare ogni lembo con una mano);
  • travasare e versare (se il contenitore è pesante l’adulto lo sostiene);
  • mescolare ingredienti con le mani o con un cucchiaio (l’adulto tiene fermo il contenitore);
  • impastare (meglio lasciare al bambino un pezzo dell’impasto con cui giocare mentre noi portiamo avanti il lavoro).

Cosa può fare un bambino in cucina. A partire dai due anni

Tutte le attività precedenti, e in più:

Da soli:

  • impastare;
  • formare palline con l’impasto (per esempio per fare gli gnocchi);
  • usare le formine (per fare i biscotti);
  • tagliare cose morbide con un cucchiaio di plastica (per esempio una banana o una patata lessa);
  • pulire i piselli;
  • grattugiare (usando una grattugia con una buona stabilità).

Cosa può fare un bambino in cucina. Con l’aiuto dell’adulto

  • comporre le lasagne;
  • riempire di impasto piatti come cannelloni, conchiglie, pomodori o peperoni ripieni (usando le dita o un cucchiaino);
  • tagliare;
  • usare il passaverdura;
  • condire l’insalata.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!