NEW

Sindrome da morte improvvisa infantile

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente...

Tolleranza gastrointestinale

Tolleranza gastrointestinale. L'allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino. Ogni...

Creatina per il trattamento della depressione

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina...

Antibiotici e celiachia

Antibiotici e Celiachia. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Come funziona il vaccino Pfizer-BioNTech

La società tedesca BioNTech ha collaborato con Pfizer per sviluppare e testare un vaccino contro il coronavirus.

Il vaccino Pfizer-BioNTech noto come BNT162b2, il nome generico tozinameran o il marchio Comirnaty.

Uno studio clinico ha dimostrato che il vaccino ha un tasso di efficacia del 95% nella prevenzione del Covid-19.

Il virus SARS-CoV-2 è costellato di proteine che utilizza per entrare nelle cellule umane.

Queste cosiddette proteine spike sono un bersaglio favorevole per potenziali vaccini e trattamenti.

Come il vaccino Moderna, il vaccino Pfizer-BioNTech si basa sulle istruzioni genetiche del virus per costruire la proteina spike.

Il vaccino utilizza l’RNA messaggero, materiale genetico che le nostre cellule leggono per produrre proteine.

La molecola – chiamata mRNA in breve – è fragile e verrebbe fatta a pezzi dai nostri enzimi naturali se fosse iniettata direttamente nel corpo.

Per proteggere il loro vaccino, Pfizer e BioNTech avvolgono l’mRNA in bolle oleose costituite da nanoparticelle lipidiche.

Inoltre, a causa della loro fragilità, le molecole di mRNA decadrebbero rapidamente a temperatura ambiente. Per questo il vaccino Pfizer deve essere trasportato e mantenuto a –70 ° C (94 ° F) per rimanere vitale.

Dopo l’iniezione, le particelle del vaccino urtano le cellule e si fondono con esse, rilasciando mRNA.

Le molecole della cellula leggono la sua sequenza e costruiscono proteine spike.

L’mRNA del vaccino viene infine distrutto dalla cellula, senza lasciare tracce permanenti.

Alcune delle proteine spike formano spike che migrano sulla superficie della cellula e sporgono le punte.

Le cellule vaccinate suddividono anche alcune delle proteine in frammenti, che presentano sulla loro superficie.

Questi picchi sporgenti e frammenti di proteine spike possono quindi essere riconosciuti dal sistema immunitario.

Quando una cellula vaccinata muore, i detriti conterranno molte proteine spike e frammenti proteici, che possono quindi essere assorbiti da un tipo di cellula immunitaria chiamata cellula che presenta l’antigene.

La cellula presenta frammenti della proteina spike sulla sua superficie.

Quando altre cellule chiamate cellule T helper rilevano questi frammenti, le cellule T helper possono dare l’allarme e aiutare altre cellule immunitarie a combattere l’infezione.

Altre cellule immunitarie, chiamate cellule B, possono urtare contro i picchi di coronavirus sulla superficie delle cellule vaccinate o frammenti di proteine spike fluttuanti.

Alcuni dei linfociti B potrebbero essere in grado di agganciarsi alle proteine spike.

Se questi linfociti B vengono poi attivati dai linfociti T helper, inizieranno a proliferare e verseranno anticorpi che prendono di mira la proteina spike.

In questo modo gli anticorpi possono attaccarsi ai picchi del coronavirus, contrassegnare il virus per la distruzione e prevenire l’infezione bloccando gli spike dall’attaccarsi ad altre cellule.

Le cellule che presentano l’antigene possono anche attivare un altro tipo di cellula immunitaria chiamata cellula T killer per cercare e distruggere le cellule infettate da coronavirus che mostrano i frammenti di proteine spike sulla loro superficie.

Il vaccino Pfizer-BioNTech richiede due iniezioni, somministrate a distanza di 21 giorni, per innescare il sistema immunitario abbastanza bene da combattere il coronavirus.

Ma poiché il vaccino è così nuovo, i ricercatori non sanno per quanto tempo potrebbe durare la sua protezione.

Prima dose
0,3 ml

Seconda dose
21 giorni dopo

Uno studio preliminare ha rilevato che il vaccino sembra offrire una forte protezione circa 10 giorni dopo la prima dose, rispetto alle persone che assumono un placebo.

Fonte
(https://www.nytimes.com/interactive/2020/health/moderna-covid-19-vaccine.html)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!