NEW

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell'identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari. Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o...

Vitamina C e Covid-19

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche. Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che...

Olio extravergine di oliva: what else?

Olio extravergine di oliva (EVO). Chi non conosce? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Per olio extravergine di oliva si intende un olio ottenuto...

Latte materno

Latte materno: come allattare. Nella posizione classica la madre deve stare seduta comodamente, su una sedia bassa o con i piedi poggiati su uno sgabello, in modo che le ginocchia rimangano sollevate, affinché le gambe sostengano il bambino. La madre non deve...

Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei

Ed essa, già da sola, indirizza la differenziazione delle famiglie batteriche verso specifici enterotipi che appaiono correlati a determinate abitudini alimentari. Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei! Dato che dalla composizione del microbiota (l’insieme dei...

Colora di più la tua frutta e la tua verdura: è meglio

Mangiare frutta e verdura è sinonimo di mangiare sano.

Ma di quale colore?

Sembra una questione secondaria ma scegliere la giusta varietà di mais o di pomodoro può fare la differenza. Anche nell’ottica del consumo e della modalità di preparazione.

Ma andiamo con gli esempi:

  • Le patate rosse o viola sono meglio di quelle gialle perché contengono più anti-ossidanti (ritardano quindi l’invecchiamento dei tessuti) e, se si riesce a mangiarle con la buccia, si favorisce un tasso glicemico più basso, grazie alle molte fibre presenti.
  • Le carote viola abbondano di antocianine, più di quelle arancioni; ma anche il modo di prepararle e consumarle può fare la differenza: cuocerle intere e affettarle dopo le rende più dolci, aumentandone le proprietà anti-tumorali.
  • Passando ai pomodori, si deve ricordare che le varietà più indicate e benefiche per la salute sono i ciliegini e i datterini, quelli più piccoli insomma: se il pomodoro è di piccole dimensioni, infatti, contiene più fito-nutrienti.Senza dimenticare che i semi non vanno mai scartati, poiché in essi si concentrano le sostanze anti-tumorali migliori.Se poi si fa cuocere la salsa di pomodoro fino all’ebollizione, si induce l’amalgamarsi degli aromi e la triplicazione del contenuto di licopene, un potente carotenoide anti-cancro.
  • Per quanto riguarda il radicchio, quello rosso di Treviso va preferito a quello di Chioggia: contiene tre volte più bio-nutrienti, anche rispetto alle altre varietà verdi; il radicchio è, comunque, un forte anti-ossidante.
  • Lo scalogno, invece, è da preferire all’aglio, dato che ha il doppio della quercetina, un importante flavonoide. Se però non potete fare a meno del secondo, tritatelo e lasciatelo riposare per circa dieci minuti prima di cuocerlo: in questo modo, aumentano le sue proprietà curative.
  • I broccoli, una volta raccolti, perdono una parte del quantitativo di zuccheri e altre sostanze nutrienti.Per questo è bene conservarli in una busta di plastica trasparente da bucare con una serie di forellini: così facendo, si contribuisce a preservare gli antiossidanti.
  • Tra le insalate, è meglio scegliere le varietà a cespo aperto dalle foglie scure: rosso-brune, viola o verdi; rucola e radicchio hanno più fito-nutrienti della lattuga. A proposito di quest’ultima, è consigliabile tagliarla prima di conservarla in frigo, per aumentare l’azione anti-invecchiamento.
  • Infine il mais: le varietà viola, blu o rosso hanno fino a 60 volte più betacarotene di quella bianca. Il mais è comunque un grande aiuto contro le infiammazioni, il rischio tumorale e la tendenza all’ipertensione.

Passando alla frutta

  • Le mele Smith hanno fino a tre volte più bio-nutrienti delle Golden.
  • La qualità di ciliegie migliori? Le Bing, ma in funzione anti-infiammatoria sono da preferire le visciole (una buona idea per un’invitante crostata).
  • Il mango ha il quintuplo della vitamina C presente nelle arance, stesso quantitativo in più di fibre rispetto all’ananas e un basso indice glicemico.
  • Il cocomero andrebbe fuori dal frigo qualche giorno prima di mangiarlo, per aumentare l’apporto di nutrienti in esso contenuti.
  • I mirtilli in scatola sono meglio di quelli freschi, poiché hanno più fito-nutrienti.
  • Le bacche, infine, vanno surgelate e poi cotte al microonde, se non sono fresche, piuttosto che comprarle già scongelate al supermercato.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!