NEW

Sensibilità al glutine non celiaca

Mentre la celiachia e l'allergia al grano sono disturbi ben noti con una diagnosi chiara basata su test clinici e parametri biologici, la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è una diagnosi più difficile, specialmente nei bambini con disturbi gastrointestinali...

Food delivery

Food delivery. Parliamoci chiaro. La cucina è ancora il centro della casa, legata alla famiglia e agli affetti, il luogo in cui si preparano i cibi, in cui ci si ritrova per mangiare e non solo? E ancora, dove sta andando la cucina italiana? Parliamone qui visto che...

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene. In questo studio di coorte su 6280 famiglie con casi pediatrici, le probabilità aggiustate di trasmissione familiare da parte di bambini di età compresa tra 0 e 3 anni erano 1,43 rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e...

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini: quale rapporto?

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall'asma nei bambini. Durante l'infanzia, l'infezione da SARS-CoV-2 sembra essere meno comune, e la malattia è generalmente più mite. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che, anche quando si presenta con sintomi...

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L'obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell'attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ. Ciò significa...
vinci-partners

Basso livello di vitamina D3

Un basso livello di vitamina D3 nel plasma 25 (OH) è associato ad un aumentato rischio di infezione da COVID-19: uno studio israeliano basato sulla popolazione.

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review.

Che cos’è una prestampa non revisionata?

Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da “peer review”.

In questo processo, i redattori della rivista ricevono la consulenza di vari esperti, chiamati “arbitri”, che hanno valutato il documento e possono identificare punti deboli nelle sue ipotesi, metodi e conclusioni.

In genere una rivista pubblicherà un articolo solo una volta che gli editori saranno soddisfatti del fatto che gli autori hanno affrontato le preoccupazioni degli arbitri e che i dati presentati supportano le conclusioni tratte nel documento.

Poiché questo processo può essere lungo, gli autori utilizzano il servizio medRxiv per rendere disponibili i loro manoscritti come “prestampe” prima della certificazione mediante peer review, consentendo altri scienziati per vedere, discutere e commentare immediatamente i risultati.

I lettori dovrebbero pertanto essere consapevoli del fatto che gli articoli su medRxiv non sono stati finalizzati dagli autori, potrebbero contenere errori e riportare informazioni che non sono state ancora accettate o approvate in alcun modo dalla comunità scientifica o medica.

Invitiamo inoltre i giornalisti e altre persone che riferiscono alla ricerca medica al pubblico a considerare questo aspetto quando discutono del lavoro che appare sulle prestampe di medRxiv e sottolineiamo che deve ancora essere valutato dalla comunità medica e le informazioni presentate potrebbero essere errate.

  • Obiettivo: valutare le associazioni dello stato plasmatico 25 (OH) D con la probabilità di infezione da coronavirus (COVID-19) e il ricovero in ospedale.
  • Metodi: la popolazione dello studio includeva i 14.000 membri di Leumit Health Services che erano stati testati per l’infezione da COVID-19 dal 1 ° febbraio al 30 aprile 2020 e che avevano almeno un precedente esame del sangue per il livello di 25 (OH) D nel plasma.

Il livello di plasma 25 (OH) D “non ottimale” o “basso” è stato definito come plasma 25-idrossivitamina D, o 25 (OH) D, concentrazione inferiore a 30 ng / mL.

  • Risultati: di 7.807 individui, 782 (10,1%) erano COVID-19 positivi e 7.025 (89,9%) COVID-19 negativi.

Il livello medio di vitamina D nel plasma era significativamente più basso tra coloro che erano risultati positivi che negativi per COVID-19 18,41-19,59) rispetto a 20,55 (IC al 95% 20,32-20,78)].

L’analisi univariata ha dimostrato un’associazione tra basso livello plasmatico 25 (OH) D e aumento della probabilità di infezione da COVID-19 e di ricovero a causa di il virus SARS-CoV-2 .

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.07.01.20144329v1

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!