NEW

Sport ed attività fisica dei bambini

La fase di crescita è quella in cui gli esseri umani sperimentano la più grande vulnerabilità bio-psico-sociale. Il pediatra ha uno dei compiti principali in medicina: garantire che il bambino raggiunga il suo pieno potenziale di crescita geneticamente determinata....

Covid-19. Una pandemia senza precedenti.

In tutto il mondo, gli epidemiologi stanno costruendo proiezioni a breve e lungo termine per prepararsi e potenzialmente “prevedere” la diffusione e l'impatto della SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Sebbene le loro previsioni e tempistiche variano, i modellisti...

Sapori della psicologia

Il bisogno di nutrirsi, invece, eccede l’esigenza primitiva di sazietà e necessita di ingredienti emotivi, relazionali, mentali e comportamentali. Sin dalle prime fasi di vita il cibo evoca sensazioni viscerali, contribuisce a definire l’identità, perché parla della...

Le castagne

Le castagne sono un frutto tipico della stagione autunnale. In generale il frutto del castagno viene consumato cotto nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, oppure impiegato per la preparazione di marmellate o dei marron glacé. Le varietà di castagne presenti in...

Covid-19. La lattoferrina è una barriera protettiva?

Lattoferrina. Una barriera protettiva. Recentemente, il mondo ha dovuto affrontare una devastante infezione da coronavirus pandemica globale, con oltre 45 milioni di infetti in tutto il mondo e oltre 1,18 milioni di decessi al 30 ottobre 2020, correlata a un nuovo...

Basso livello di vitamina D3

Un basso livello di vitamina D3 nel plasma 25 (OH) è associato ad un aumentato rischio di infezione da COVID-19: uno studio israeliano basato sulla popolazione.

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review.

Che cos’è una prestampa non revisionata?

Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da “peer review”.

In questo processo, i redattori della rivista ricevono la consulenza di vari esperti, chiamati “arbitri”, che hanno valutato il documento e possono identificare punti deboli nelle sue ipotesi, metodi e conclusioni.

In genere una rivista pubblicherà un articolo solo una volta che gli editori saranno soddisfatti del fatto che gli autori hanno affrontato le preoccupazioni degli arbitri e che i dati presentati supportano le conclusioni tratte nel documento.

Poiché questo processo può essere lungo, gli autori utilizzano il servizio medRxiv per rendere disponibili i loro manoscritti come “prestampe” prima della certificazione mediante peer review, consentendo altri scienziati per vedere, discutere e commentare immediatamente i risultati.

I lettori dovrebbero pertanto essere consapevoli del fatto che gli articoli su medRxiv non sono stati finalizzati dagli autori, potrebbero contenere errori e riportare informazioni che non sono state ancora accettate o approvate in alcun modo dalla comunità scientifica o medica.

Invitiamo inoltre i giornalisti e altre persone che riferiscono alla ricerca medica al pubblico a considerare questo aspetto quando discutono del lavoro che appare sulle prestampe di medRxiv e sottolineiamo che deve ancora essere valutato dalla comunità medica e le informazioni presentate potrebbero essere errate.

  • Obiettivo: valutare le associazioni dello stato plasmatico 25 (OH) D con la probabilità di infezione da coronavirus (COVID-19) e il ricovero in ospedale.
  • Metodi: la popolazione dello studio includeva i 14.000 membri di Leumit Health Services che erano stati testati per l’infezione da COVID-19 dal 1 ° febbraio al 30 aprile 2020 e che avevano almeno un precedente esame del sangue per il livello di 25 (OH) D nel plasma.

Il livello di plasma 25 (OH) D “non ottimale” o “basso” è stato definito come plasma 25-idrossivitamina D, o 25 (OH) D, concentrazione inferiore a 30 ng / mL.

  • Risultati: di 7.807 individui, 782 (10,1%) erano COVID-19 positivi e 7.025 (89,9%) COVID-19 negativi.

Il livello medio di vitamina D nel plasma era significativamente più basso tra coloro che erano risultati positivi che negativi per COVID-19 18,41-19,59) rispetto a 20,55 (IC al 95% 20,32-20,78)].

L’analisi univariata ha dimostrato un’associazione tra basso livello plasmatico 25 (OH) D e aumento della probabilità di infezione da COVID-19 e di ricovero a causa di il virus SARS-CoV-2 .

https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.07.01.20144329v1

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!