NEW

Celiachia

La Celiachia: Deriva da una risposta immunitaria inappropriata mediata da cellule T al glutine ingerito che causa danni immuno-mediati all'intestino tenue in persone geneticamente predisposte. Il danno alla mucosa prossimale dell'intestino tenue porta al...

L’ostruzione nasale

L'ostruzione nasale (NO) è definita come la percezione soggettiva di disagio o difficoltà nel passaggio dell'aria attraverso le narici. È un motivo comune per la consultazione nelle cure primarie e specialistiche e può interessare fino al 30% - 40% della popolazione....

Iperattività dei bambini

Iperattività dei bambini. Gli estratti di radice di valeriana e melissa hanno dimostrato in precedenza efficacia e ottima tollerabilità nei bambini al di sotto dei 12 anni che soffrono di irrequietezza e insonnia. Abbiamo ora esaminato se il trattamento con una...

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS).

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). Data la mancanza di un biomarcatore per la diagnosi di NCGS, c'è la necessità di standardizzare la procedura che porta alla conferma della diagnosi. Sebbene l'NCGS sia attivato dai cereali contenenti glutine,...

Qualità del sonno nell’obesità

Qualità del sonno nell'obesità. I disturbi del sonno (SD) sono un riscontro comune nell'obesità. L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è il tipo più diffuso di disturbo del sonno correlato all'obesità, che a sua volta rappresenta un fattore di rischio per diverse...

Baobab. L’albero del farmacista è salutare.

L’Adansonia digitata L. (Malvaceae), comunemente chiamata baobab, pane di scimmia o albero del farmacista, è un albero deciduo con ampia distribuzione nella maggior parte delle regioni semi-aride e sub-umide del Sub-Sahara.

La specie è solitamente associata alla savana secca, alle foreste secche e agli insediamenti umani.

Nelle regioni in cui il baobab cresce spontaneamente, l’albero costituisce una componente essenziale del paesaggio agricolo.

È un albero molto longevo con usi polivalenti, che fornisce cibo, riparo, vestiti, corde, letame e, ultimo ma non meno importante, medicinali e cosmetici, oltre a materiale per la caccia e la pesca.

La farina di polpa del frutto di baobab è comunemente utilizzata per preparare bevande rinfrescanti, dolci, ma anche salse e, recentemente, gelati.

È considerato un complemento alimentare, e può essere consigliato per il contributo all’apporto giornaliero di energia, carboidrati e proteine per bambini e donne in gravidanza.

La polpa del frutto di baobab è usata nella medicina tradizionale africana come rimedio antipiretico o febbrifugo, anti-dissenterico, diaforetico, immunostimolante, antinfiammatorio, analgesico e probiotico.

In Mali, la farina di polpa di baobab viene utilizzata anche per curare la diarrea dei bambini e per stimolare la produzione di latte nelle donne che allattano.

Le foglie di baobab sono conosciute nella medicina popolare come antipiretici o febbrifugo.

Studi biologici hanno riportato che la polpa del frutto del baobab ha mostrato attività antiossidante, effetto epatoprotettivo, cardioprotettivo, antidiabetico e azione antitumorale.

In termini di macronutrienti, la polpa di frutta secca del baobab è povera di grassi e molto ricca di fibre (circa 50 g / 100 g).

La polpa ha un basso contenuto di zucchero rispetto ad altri frutti.

È relativamente povero di proteine ma è una buona fonte di aminoacidi. La polpa di frutta secca di baobab sarebbe quindi ideale come ingrediente per:

  • l’aggiunta di fibre agli alimenti, oltre che per aumentare il loro profilo nutrizionale complessivo.
  • Il suo profilo rispetto ad altri alimenti indicherebbe che potrebbe essere sia un alimento a basso indice glicemico che un ingrediente saziante, grazie al suo alto contenuto di fibre solubili.

La polpa del frutto di baobab contiene più vitamina C di altri frutti (oltre 100 mg / 100 g) ed è una buona fonte di calcio, ferro e magnesio.

Inoltre, la polpa del frutto del baobab è una ricca fonte di composti polifenolici che potrebbero svolgere un ruolo protettivo contro lo stress ossidativo.

Le foglie e i frutti di baobab sono fonte di polifenoli importanti per ridurre lo stress ossidativo ed hanno quindi un’azione antiossidante.

La maggiore attività antiossidante potrebbe essere dovuta ai polifenoli, come le proantocianidine e i flavonoli glicosidi, identificati negli estratti di frutti di baobab.

Inoltre, i polifenoli possono influenzare l’attività degli enzimi chiave.

Molti studi hanno riportato la loro capacità di inibire gli enzimi digestivi come l’α-glucosidasi.

Studi in vitro hanno dimostrato che gli estratti di frutti di baobab interferiscono con la degradazione dell’amido e riducono il rilascio di zucchero dagli alimenti ricchi di amido come il pane.

Le glicosidasi sono diffuse in microrganismi, piante e animali.

Sono una classe molto importante di enzimi, che catalizzano una scissione idrolitica dei legami glicosidici negli oligosaccaridi o nei glicoconiugati.

Tra queste glicosidasi, l’α-glucosidasi è in grado di catalizzare la scissione dei legami glicosidici che coinvolgono il glucosio terminale connesso al sito di scissione tramite α-linkage al centro anomerico.

Le glicosidasi sono coinvolte in diversi importanti processi biologici (come: digestione, biosintesi delle glicoproteine e catabolismo lisosomiale dei glucoconiugati) correlati a disturbi e malattie metaboliche, come diabete, obesità, malattia da accumulo lisosomiale dei glicosfingolipidi, infezioni da HIV e tumori.

Queste osservazioni indicano che l’inibizione delle glicosidasi rappresenterebbe un nuovo e importante approccio farmacologico al trattamento delle complicanze sopra menzionate, incluso il diabete.

Tutti gli estratti hanno riportato una maggiore inibizione dell’α-glucosidasi rispetto a quella dell’acarbosio usato come standard.

In conclusione, l’attività di inibizione degli antiossidanti e dell’α-glucosidasi hanno confermato la classificazione del baobab come “super frutto”.

Pertanto la presenza di potenziali nutraceutici è adatta e promettente per lo sviluppo di prodotti alimentari sicuri e additivi vegetali.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6321735/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!