NEW

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite. In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all'istruzione in presenza. Covid-19 e i bambini....

Il nichel: onnipresente ma sconosciuto

Il nichel (Ni) appartiene agli elementi ferromagnetici, ed è naturalmente presente nella crosta terrestre solitamente in combinazione con ossigeno e zolfo sotto forma di ossidi e solfuri. In mare ci sono circa otto miliardi di tonnellate di Ni. Grazie alle sue...

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...
vinci-partners

Aritmie e caffè? Why not!

“Le bevande ricche di caffeina sono stati implicate come una causa comune di vari sintomi come palpitazioni, tachicardia, o battito cardiaco irregolare. Per questo motivo è prassi suggerire ai pazienti con problemi cardiaci di ridurre o evitare il consumo di caffeina”.

Questo è ciò che spiega Luis Rohde, dell’Università federale di Rio Grande do Sul, Porto Alegre, in Brasile.

Allo stato attuale non vi è alcuna dimostrazione che in pazienti con problemi cardiaci sia sicuro bere bevande con caffeina senza che questo porti ad un aumento del rischio di avere aritmie” ha aggiunto Rohde.

I nostri risultati, però, indicano che l’uso a breve termine di bevande con caffeina in questi pazienti non aumenta il rischio di aritmie”.

Lo studio

Per capire se questo consiglio è davvero appropriato, i ricercatori hanno studiato 51 adulti (età media 61 anni) che erano stati recentemente ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ventricolare sinistra ridotta.

I partecipanti hanno ingerito caffè decaffeinato cui è stato aggiunto o caffeina o placebo.La caffeina o il placebo sono stati ingeriti ad intervalli di un’ora per un totale di 500 mg di caffeina o placebo per cinque ore.

Lo studio ha utilizzato un disegno crossover in doppio cieco controllato con placebo, randomizzato.

L’outcome primario era il numero e la percentuale di battiti prematuri ventricolari e sopraventricolari misurati fino ad un ora dopo l’ultima assunzione con monitoraggio elettrocardiografico continuo nel corso dello studio.

I commenti

Non abbiamo trovato alcuna associazione tra l’assunzione di caffeina e gli episodi aritmici – ha detto Rohde – anche durante il monitoraggio sotto stress fisico con tapis roulant”.

In realtà, non abbiamo osservato alcuna indicazione di un potenziale aumento del rischio di aritmia” riportano gli autori su JAMA Internal Medicine.

I nostri risultati mettono in discussione la nozione intuitiva che l’assunzione di caffeina dovrebbe essere limitata o vietata in pazienti con malattie cardiache e a rischio di aritmia”.

I ricercatori fanno però anche notare che circa la metà dei partecipanti allo studio erano bevitori abituali di caffè e questo potrebbe influenzare i risultati. Questo perché i bevitori di caffè regolari potrebbero essere meno inclini agli effetti modulatori della caffeina.

Anche se noi crediamo che questo sia improbabile, non possiamo garantire che a lungo termine e ad alto dosaggio l’uso di caffeina non possa essere associato con un effetto pro-aritmico nei pazienti con scompenso cardiaco.

In questo senso, i nostri risultati devono essere interpretati con cautela a causa del piccolo numero di pazienti inclusi e la bassa prevalenza di aritmie che è stata osservata”.

Fonte: Reuters Health News

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!