NEW

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...

Diete di esclusione nei bambini autistici

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici. Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review. Piwowarczyk, A., Horvath,...

Prima visita di medicina estetica

La Prima visita di medicina estetica, comprende, dopo un accurata anamnesi ed esame obiettivo finalizzati alla conoscenza dello stato di salute generale ed estetico, una serie di valutazioni morfologiche e funzionali volte ad approfondire lo studio e la cura degli...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.
Diete di esclusione nei bambini autistici

Diete di esclusione nei bambini autistici

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici.

Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review.
Piwowarczyk, A., Horvath, A., Łukasik, J. et al. Eur J Nutr (2018) 57: 433.

Mancano trattamenti efficaci per i sintomi fondamentali dei disturbi dello spettro autistico (ASD).

Abbiamo sistematicamente aggiornato le prove sull’efficacia di una dieta priva di glutine e caseina (GFCF) come trattamento per l’ASD nei bambini.

I database della Biblioteca Cochrane, MEDLINE ed EMBASE sono stati cercati fino ad agosto 2016, per studi randomizzati controllati (RCT); riferimenti aggiuntivi sono stati ottenuti da articoli recensiti.

Sono stati inclusi sei studi randomizzati (214 partecipanti).

Con poche eccezioni, tra i bambini autistici non ci sono state differenze statisticamente significative nei sintomi fondamentali del disturbo dello spettro autistico tra i gruppi, misurati con scale standardizzate.

Uno studio ha rilevato che rispetto al gruppo di controllo, nel gruppo dietetico GFCF ci sono stati miglioramenti significativi nei punteggi per il sottodominio “comunicazione” del Programma di osservazione diagnostica autistica e per il sottodominio “interazione sociale” della scala di valutazione dell’autismo Gilliam.

Un altro studio ha riscontrato differenze significative tra i gruppi nei punteggi post intervento per i sottodomini “tratti autistici”, “comunicazione” e “contatto sociale” di un sistema danese standardizzato.

Le differenze rimanenti, se presenti, si riferivano a strumenti di valutazione basati sui genitori o ad altre funzionalità relative allo sviluppo / ASD.

Conclusioni.

Nel complesso, ci sono poche prove che una dieta GFCF sia benefica per i sintomi dell’ASD nei bambini.

Gluten-free and casein-free diets in the therapy of autism.
Klaus Lange., Joachim Hauser., Andreas Reissmann. Current Opinion in Clinical Nutrition and Metabolic Care. 18(6):572–575.

Lo scopo di questo studio è discutere il ruolo delle diete prive di glutine e caseine nel trattamento dell’autismo.

In un recente sondaggio condotto nel Regno Unito, oltre l’80% dei genitori di bambini con disturbo dello spettro autistico ha riportato un qualche tipo di intervento dietetico per il proprio bambino (dieta priva di glutine e caseina nel 29%).

Alla domanda sugli effetti della dieta priva di glutine e caseina, il 20-29% dei genitori ha riferito miglioramenti significativi delle dimensioni del nucleo del disturbo dello spettro autistico.

I risultati di questo studio suggeriscono effetti aggiuntivi di una dieta priva di glutine e caseina su problemi di comorbilità di autismo come sintomi gastrointestinali, concentrazione e attenzione.

I risultati di un’altra recente indagine hanno suggerito che l’età e alcuni composti delle urine possono prevedere la risposta dei sintomi dell’autismo a una dieta priva di glutine e caseina.

Sebbene questi risultati debbano essere replicati, evidenziano l’importanza dell’analisi dei sottogruppi di pazienti.

La maggior parte delle indagini che valutano l’efficacia di una dieta priva di glutine e caseina nel trattamento dell’autismo sono gravemente imperfette.

Le prove a sostegno del valore terapeutico di questa dieta sono limitate e deboli.

Una dieta priva di glutine e caseina deve essere somministrata solo se viene diagnosticata un’allergia o un’intolleranza al glutine nutrizionale o alla caseina.

The Gluten-Free/Casein-Free Diet: A Double-Blind Challenge Trial in Children with Autism.
Susan L. Hyman, Patricia A. Stewart, Jennifer Foley, Usa Cain, Robin Peck, Danielle D. Morris, Hongyue Wang, Tristram Smith. Journal of Autism and Developmental Disorders. January 2016, Volume 46, Issue 1, pp 205–220

Per ottenere informazioni sulla sicurezza e l’efficacia della dieta priva di glutine / caseina (GFCF), abbiamo messo 14 bambini con autismo, di età compresa tra 3 e 5 anni, sulla dieta per 4–6 settimane e poi condotto un doppio cieco, studio di verifica controllato con placebo per 12 settimane mentre si continua la dieta, con un follow-up di 12 settimane.

Le sfide dietetiche sono state consegnate tramite spuntini settimanali che contenevano glutine, caseina, glutine e caseina o placebo.

Con la consulenza nutrizionale, la dieta era sicura e ben tollerata.

Tuttavia, le difficoltà dietetiche non hanno avuto effetti statisticamente significativi sulle misure di funzionamento fisiologico, problemi comportamentali o sintomi di autismo.

Sebbene questi risultati debbano essere interpretati con cautela a causa delle dimensioni ridotte del campione, lo studio non fornisce prove a supporto dell’uso generale della dieta GFCF.

Lettera aperta di un pediatra al Ministro Lorenzin

Lettera aperta di un pediatra al Ministro Lorenzin

Ill.mo Ministro,

sono un pediatra di famiglia, mi occupo di salute nei bambini, di recuperarla per chi l’ha persa o di mantenerla il più a lungo possibile per i più fortunati; il mio lavoro, moltiplicato per i circa 7000 colleghi di tutt’Italia e associato a quello dei colleghi ospedalieri e universitari con i quali condividiamo l’assistenza pediatrica, ha portato a traguardi molto positivi.

Cito, a titolo di esempio, un tasso di mortalità infantile a 5 anni sensibilmente inferiore a quello di altri paesi europei come Francia,Germania e Gran Bretagna, al cui confronto, per una volta, possiamo dimostrare uno spread di salute a nostro vantaggio, nonostante investimenti pubblici minori. Il calo della mortalità, degli esiti handicappanti e dei ricoveri da cause infettive e per malattie prevenibili da vaccino è certamente un cardine di questo miglioramento della salute, dato confermato da statistiche note e accessibili a tutti, sia in Italia come all’estero.

Questo progresso è ora nuovamente messo in pericolo da accuse di un possibile nesso causale fra vaccino contro il morbillo e insorgenza di quadri autistici; l’ipotesi di reato avanzata della Procura di Trani sulla base della denuncia dei genitori di due minori ai quali è stata diagnosticata una sindrome autistica è “lesioni gravissime colpose” e riguarda il codice penale.

Tutto questo nonostante tutta la scienza ufficiale e, pochi mesi fa, anche l’OMS ha escluso qualsiasi collegamento tra vaccino per il morbillo e autismo.

Da anni, e non solo in Italia, la disinformazione nel settore vaccinale è andata via via aumentando, diffusa specie attraverso i social network, alimentata anche in ambito sanitario da poca formazione se non da comportamenti poco deontologici verso i pazienti, sani e non sani, incrementata da scarsa attenzione delle nostre istituzioni verso questa marea montante e non ultime da sentenze processuali che non faranno “scienza”, ma certamente fanno “cultura” o precedente di letteratura giurisprudenziale.

La vaccinazione antimorbillo ha consentito di evitare nel mondo negli ultimi 12 anni oltre 13 milioni di morti, in netta maggioranza bambini, grazie a circa 1 miliardo di dosi praticate, con una riduzione dei decessi del 78%; ancora oggi muoiono 330 bambini ogni giorno cioè 14 ogni ora e, se ci “allarghiamo”, una persona muore ogni 20 secondi per causa prevenibile da vaccino.

Sono dati importanti, verificabili. La realtà italiana ovviamente si avvale di maggiori livelli assistenziali ma dobbiamo pensare che globale oggi è anche la salute e i pericoli connessi alle migrazioni degli agenti infettanti non considerano le frontiere fisiche o amministrative, del resto non auspicabili.

La disinformazione colpisce anche paesi ad alto livello di salute, come dimostrano i decessi avvenuti in comunità chiuse per motivi filosofici o religiosi, o in soggetti non vaccinabili per patologia perché contagiati da compagni di scuola non immuni, non certo esempio di solidarietà vaccinale. Questo avviene anche in Europa, anche in Italia.

Il pediatra di famiglia è un “pezzo” della filiera vaccinale, che nasce innanzi tutto da un bisogno di salute e prosegue con la ricerca e la sperimentazione di un vaccino (quanto mai severa nel settore), l’autorizzazione, la commercializzazione, l’informazione e la raccomandazione, l’organizzazione affidata al SSN, la sorveglianza.

Tale filiera coinvolge le istituzioni nazionali e internazionali, dall’OMS agli organi autorizzativi europei, dal nostro Ministero della Salute che, proprio sull’eradicazione del morbillo e il contenimento della rosolia congenita, ha predisposto negli anni vari programma attuativi rimodellati sui risultati raggiunti, alle regioni che amministrano le risorse, alle ASL che attuano, ai medici ospedalieri e del territorio che possono dare una informazione personalizzata.

Ora tale filiera deve muoversi compatta per la difesa degli obiettivi raggiunti e da migliorare, a cominciare proprio dal Suo Ministero per l’autorevolezza e la responsabilità propria a sostegno di tutti gli altri “pezzi” che ho elencato.

Abbiamo letto con soddisfazione il Suo intervento riportato dalla stampa a margine di un convegno recente che rinforza la verità scientifica sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini ma crediamo che occorra una presa di posizione precisa, centrata e duratura e condivisa a sostegno di tutta la “filiera”.

Noi pediatri di famiglia possiamo offrire la nostra professionalità,arricchita dalle iniziative recenti proprio nel settore della comunicazione sui social network (creazione di un account twitter:@ReteVacciniFIMP e di una pagina Facebook: www.facebook.com/FimpReteVaccini ) e la collaborazione con i colleghi igienisti sul sito www.vaccinarsi,org ; ma soprattutto restiamo vincolati all’obbligo professionale dovuto verso i nostri piccoli pazienti che è quello di tutelare la loro salute, prima di tutto e nonostante quanti minacciano la verità scientifica.

Roma, 27 marzo 2014

Dr. Giorgio Conforti
Referente per la Rete Vaccini e Malattie Infettive della FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri)