di Giorgio Pitzalis

Mangiamo in maniera disordinata?

Attenzione, perché l’”ammassarsi” di alimenti e cose, è espressione del disordine nel quale spesso viviamo e nel quale è difficile trovare un significato oggettivo, ed estrapolarne il senso.

Pur nella sua evidente originalità, l’Arcimboldo è un artista che vuole esprimere la sua concezione filosofica della vita attraverso la pittura, non puntando sull’espressione di un volto o la rappresentazione di un episodio mitologico o religioso, ma mediante la scelta di oggetti o alimenti.

Il risultato?

Una serie di ritratti surreali e grotteschi che ci dimostrano quanto la natura umana possa essere mostruosa quando è disordinata e priva di un senso logico.

Per dirla in maniera semplice, è un po’ come quando le nostre mamme ci dicevano di non mischiare i cibi perché saremmo stati male: immancabilmente arrivava il mal di pancia!

Arcimboldo

Giuseppe Arcimboldi, famoso soprattutto con il nome Arcimboldo con cui firmava le sue opere, è un pittore milanese della seconda metà del Cinquecento.

Divenne celebre per la sua scelta di utilizzare fiori, frutta, alimenti, animali per costruire dei veri e propri ritratti denominati ”teste composte”.

La sua arte, assolutamente originale venne apprezzata soprattutto in ambiente aristocratico e di corte, che commissionò la maggior parte delle sue opere.

Arcimboldo è un artista che ricerca sia l’aspetto giocoso sia quello grottesco: originali e divertenti a un primo sguardo, le “teste composte” risultano enigmatiche e inquietanti se le si osserva più attentamente.

I colori sono spesso forti, ma comunque scuri e gli elementi che compongono le teste realistici.
I quattro quadri appartenenti al ciclo de “Le stagioni” furono commissionate e realizzate nel 1562 per la corte viennese.

Estate

Vegetali e frutta nell'arteIl volto di donna, a differenza della primavera, è costituito non di fiori ma di frutti, verdure e ortaggi.

  • Le ciliegie ornano tutto l’orlo della capigliatura e si ritrovano anche sul viso a comporre il labbro superiore. Ricordo che le ciliegie hanno un’azione antinfiammatoria delle articolazioni e antidolorifica grazie al loro contenuto di antociani, efficaci antiossidanti che vincono il dolore e le infiammazioni.Inoltre questi frutti sono ricchi di fibre solubili che, una volta raggiunto lo stomaco, assorbono acqua e aumentano, rigonfiandosi, il senso di sazietà.
  • La guancia è formata da una pesca. Molte sono le proprietà delle pesche: sono depurative, digestive, vermifughe e addirittura utili per la circolazione o contro il mal di testa.Quel che è certo è che sono ricche di acqua e fibre, poco caloriche, prive di grassi. Posseggono inoltre proprietà antiossidanti, blandamente lassative grazie alla pectina, ma soprattutto diuretiche.
  • Il naso è un cetriolo. È l’alimento con il più alto contenuto di acqua, quindi ipocalorico.Contiene la provitamina A, le vitamine del complesso B, la vitamina C ed è ricco di potassio, ferro, calcio, iodio e manganese.Gli antichi lo utilizzavano inoltre per debellare i vermi intestinali e per abbassare la febbre.Gli enzimi contenuti nel cetriolo aiutano l’organismo ad assimilare le proteine, disintossicano l’intestino, aiutano a prevenire anche la formazione di calcoli ai reni e alla vescica.Mangiando regolarmente cetrioli si combatte la costipazione.
  • L’orecchio visibile è una melanzana.Grazie al suo alto contenuto di acqua, la melanzana è considerata innanzitutto depurativa dell’organismo, ed è quindi consigliata nei casi di gotta, arteriosclerosi e problemi di infiammazione alle vie urinarie.La presenza di potassio e di altri minerali le conferisce poi proprietà ricostituenti.Le melanzane contengono inoltre alcune sostanze amare, presenti anche nelle foglie dei carciofi, che contribuiscono a stimolare la produzione di bile e anche ad abbassare il tasso di colesterolo “cattivo” nel sangue.Essendo un ortaggio molto povero di calorie e ricco di fibre, la melanzana è spesso inserita nelle diete dimagranti.La melanzana ha anche proprietà lassative, anche se non molto marcate, ed è quindi utile in casi di stitichezza.
  • Il sopracciglio è formato da una spiga, mentre il vestito è formato interamente da grano. I cereali sono la base della nostra alimentazione. Il chicco integrale è una preziosa fonte di fibra e micronutrienti, come antiossidanti, vitamine, minerali.È inoltre una buona fonte di acidi grassi polinsaturi.Ma quando gli strati esterni del chicco vengono rimossi (raffinati), ciò che resta è solo amido e proteine.I micronutrienti contenuti nel chicco integrale svolgono invece importanti funzioni: migliorano le difese immunitarie, riducono i processi infiammatori, contribuiscono a proteggere le cellule dai radicali liberi e altro. La fibra assunta mangiando cereali integrali, oltre a favorire il buon funzionamento intestinale, svolge un ruolo fondamentale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del tumore del colon. Inoltre, la parte solubile della fibra è un ottimo nutrimento per la flora batterica intestinale.Anche gli amidi, meglio se assunti non raffinati, hanno un indice glicemico e insulinemico relativamente basso, riducendo tutti i rischi legati agli alimenti ad alto IG (Indice Glicemico).
  • Dal petto spunta un carciofo. I carciofi rappresentano una vera e propria miniera di principi attivi e vantano particolari virtù terapeutiche.Hanno pochissime calorie, sono molto gustosi e hanno molte fibre, oltre a una buona quantità di calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio.Sono dotati di proprietà regolatrici dell’appetito, vantano un effetto diuretico e sono consigliati per risolvere problemi di colesterolo, diabete, ipertensione arteriosa, sovrappeso e cellulite.Sono anche molto apprezzati per le caratteristiche toniche e disintossicanti, per la capacità di stimolare il fegato, calmare la tosse.I carciofi contengono molto ferro grazie a due sostanze: la coloretina e la cinarina.Da non sottovalutare è anche la funzione epatoprotettiva e antitossica dell’ortaggio e ciò si evidenzia maggiormente su diverse sostanze tossiche, in particolare sull’alcol, la cui presenza nel sangue viene ridotta per l’effetto diuretico.

Autunno

Vegetali e frutta nell'arteL’Autunno è rappresentato come un uomo dai lineamenti grossolani, poco gentili.

  • Il collo è formato da alcuni ortaggi e da due pere. È un frutto ricco di polifenoli, che svolgono un’azione antiossidante e proteggono dai danni causati dai radicali liberi.In questo senso svolge un’azione di prevenzione nei confronti delle malattie cardiovascolari.
    È indicata nelle diete iposodiche. È ricco di potassio.
  • Sul viso sono visibili inoltre mele.Ipocaloriche, sazianti, e mantengono sotto controllo il colesterolo e la glicemia, sono utili nella diarrea ma cotte possono essere impiegate come lassative.
  • Il mento è una melagrana.Ha proprietà antibatteriche, antielmintiche e le sostanze polifenoliche presenti combattono le patologie vascolari. Ha inoltre un effetto gastroprotettivo.
  • L’orecchio, è un fungo. I funghi sono ricchi di minerali, ipocalorici e molto digeribili. Alcuni stimolano il sistema immunitario, riducono il colesterolo cattivo e tengono sotto controllo la pressione arteriosa.Contengono molta vitamina B, e fibre solubili utilissime per spazzare via dal nostro intestino le sostanze tossiche, i grassi e gli zuccheri in eccesso. Sono inoltre presenti vitamina E, betacaroteni, acido folico e sali minerali (potassio, fosforo, calcio, ferro, rame, zolfo).
  • L’orecchio regge un pendente a forma di fico che, ricco di vitamine fornisce energia e una preziosa fonte di polifenoli e antiossidanti. Contiene la lignina, una fibra che contrasta la stipsi cronica.
  • Le labbra e la bocca sono formate dal riccio della castagna.
    Ha un alto contenuto calorico, una grande percentuale di sali minerali e apporta una valida quantità di fibra alimentare mentre la peluria del viso è resa tramite del grano.
  • La capigliatura è composta esclusivamente da uve e viti.La buccia dell’uva nera contiene notevoli quantità di polifenoli e resveratrolo, che hanno proprietà antiossidanti.Contiene zuccheri semplici facilmente digeribili, sali minerali, potassio, magnesio, ferro. È utile anche in caso di stipsi.
  • Alla cui sommità si trova una zucca.Ortaggio ipocalorico (18 kcal per 100 grammi di prodotto); il colore arancione non nasconde il suo elevato contenuto di caroteni e provitamina A.Inoltre è ricca di minerali, Buona anche il quantitativo di vit. C e del gruppo B.

Inverno

Vegetali e frutta nell'arteL’Inverno è rappresentato come un vecchio la cui pelle è un tronco nodoso, con escoriazioni naturali e rigonfiamenti del legno. Tali deformazioni insistono nel rappresentare quindi le rughe e la pelle rovinata dall’età.

La barba, rada e poco curata, è resa tramite radici o piccoli rami. La bocca è formata da due funghi.

L’occhio visibile è una spaccatura nera del legno, così come l’orecchio è ciò che resta di un ramo spezzato.

I capelli sono un groviglio di rami, accompagnato sul retro da una serie di piccole foglie.
La spoglia figura è ravvivata solamente dai colori del:

  • Limone: 100 grammi di prodotto contengono 11 mg di vitamina C, pari al 71% del fabbisogno giornaliero di vitamina C per un adulto.
  • dell’arancia. Importante fonte di vitamine C, A, B.Ha un elevato contenuto di bioflavonoidi, sostanze che assieme alla vitamina C, sono molto importanti soprattutto per la ricostituzione del collagene del tessuto connettivo.La vitamina C contenuta nell’arancia favorisce l’assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi.

Il ritratto di Rodolfo II

Vegetali e frutta nell'arteIl ritratto di Rodolfo II è un ulteriore esempio di questo filone espressivo.

L’autore sembra sfidare l’osservatore a rintracciare le singole parti di cui è composta l’opera, a scoprirne ogni singolo particolare, senza perdere l’impatto d’insieme.

In effetti, che sia il ritratto di una persona lo si intuisce subito ma ci accompagna immediatamente la sensazione di qualcosa che non quadra e che lo rende diverso da un qualsiasi altro ritratto.

Ed ecco che a una seconda occhiata vediamo prendere forma dei frutti o degli ortaggi.

  • Il primo frutto che si impone e assume identità, anche perché è posto al centro del viso è una pera, che rappresenta il naso.
  • L’attenzione si sposta poi sulle guance rubizze, che potrebbero essere due mele ben levigate.
  • Gli occhi risultano un po’ misteriosi (due olive nere al posto delle pupille? due acini d’uva scura?).
  • Risaltano maggiormente le parti che dovrebbero rappresentare le borse sotto gli occhi e che sono composte da due bacche di un qualche tipo; occhiaie così marcate potrebbero suggerire responsabilità importanti.
  • Le sopracciglia sono più facili da identificare: l’arco è quello di due baccelli in cui sono visibili i singoli piselli. Qui peraltro c’è una doppia sottolineatura: infatti sopra i piselli abbiamo due spighe di grano leggermente arcuate.
  • Salendo troviamo la fronte, rappresentata da un grande ortaggio a forma di sole, di cui sinceramente non se ne comprende l’identità.

Si può ipotizzare che la grandezza dei frutti/vegetali sia correlata alle parti del viso che il pittore voleva mettere in evidenza: pertanto abbiamo una fronte imponente e delle sopracciglia definite. Il tutto sembra conferire autorità al personaggio.

C’è poi un grosso naso e delle guance rosse e qui il pittore forse ha voluto colorare il viso con una sfumatura di simpatia e cordialità.

  • Scendendo troviamo i baffi e la bocca; i baffi potrebbero essere due asparagi.
  • La bocca ha qualcosa di sorridente, anche se è in evidenza solo il labbro inferiore, composto da due bacche rossastre.
  • Il “sorriso” è reso meno cordiale dalla presenza dei denti, che si intravedono e suggeriscono un carattere pronto sia al riso che alla collera; peraltro non si riesce a capire cosa il pittore abbia utilizzato per fare i denti.
  • Scendendo ancora troviamo una barba, composta da spighe di un qualche cereale sui lati e al centro notiamo lo stesso vegetale usato per la fronte, espediente che dona simmetria al volto secondo l’asse alto-basso.
  • Il volto è poi circondato da una specie di corona (è il ritratto di un imperatore!) che nell’insieme pare molto ricca e abbondante: c’è uva, chiara e scura, ci sono mele e pere, ciliegie, una pannocchia e bacche varie.
  • L’anello più esterno è poi formato da ciuffi di spighe di grano, poste a intervalli regolari, che schiariscono l’immagine e confermano l’idea della “corona”.

In conclusione

Anche attraverso l’opera singolare di Arcimboldo è possibile trarre spunti e suggerimenti per una moderna alimentazione, che deve essere composta in gran parte da frutta e verdura e che si appalesa in tutta la sua colorita espressività.

Ricordo come è suggerita una quantità pari a 5 dei nostri pugni tra frutta e verdura per assumere una sufficiente quantità di fibre alimentari e non solo.

Share This