I bambini hanno bisogno di sviluppare una serie di competenze per ottimizzare il loro sviluppo e gestire lo stress tossico.

Il potere del gioco

La ricerca dimostra che un gioco appropriato dal punto di vista dello sviluppo con genitori e coetanei è un’occasione unica per promuovere le abilità socio-emotive, cognitive, linguistiche e di autoregolazione che costruiscono la funzione esecutiva e un cervello prosociale.

Inoltre, il gioco supporta la formazione di relazioni sicure, stabili e nutritive con tutti i caregiver che i bambini hanno bisogno di prosperare.

Il gioco non è frivolo: migliora la struttura e la funzione del cervello e promuove la funzione esecutiva (cioè il processo di apprendimento, piuttosto che il contenuto), che ci consente di perseguire obiettivi e ignorare le distrazioni.

Quando nella vita di un bambino mancano giochi e relazioni sicure, stabili e nutrienti, lo stress tossico può disturbare lo sviluppo della funzione esecutiva e l’apprendimento del comportamento prosociale; in presenza di avversità infantili, il gioco diventa ancora più importante.

La gioia reciproca e la comunicazione condivisa e la sintonizzazione (interazione armoniosa di servizio e ritorno) che genitori e bambini possono sperimentare durante il gioco regolano la risposta allo stress del corpo.

Questo rapporto clinico fornisce agli operatori pediatrici le informazioni di cui hanno bisogno per promuovere i benefici del gioco e di scrivere una prescrizione per il gioco in occasione di visite complementari per raggiungere e leggere.

In un momento in cui i programmi della prima infanzia sono sotto pressione per aggiungere più componenti didattiche e meno apprendimento ludico, i pediatri possono svolgere un ruolo importante enfatizzando il ruolo di un curriculum equilibrato che include l’importanza dell’apprendimento ludico per la promozione dello sviluppo sano del bambino.

(The Power of Play: A Pediatric Role in Enhancing Development in Young Children Michael Yogman et al. Pediatrics August 2018)