Morency ME et al. Am J Clin Nutr. 2017 agosto; 106 (2): 597-602.

Il consumo di latte vaccino durante l’infanzia è stato associato ad un aumento dell’altezza, che è una misura importante per la crescita e lo sviluppo dei bambini.

D’altra parte, molti genitori scelgono bevande a base di latte non vaccino come latte di soia e mandorle a causa di benefici per la salute percepiti.

Tuttavia, il latte non vaccino contiene meno proteine e grassi rispetto al latte vaccino e potrebbe non avere lo stesso effetto sull’altezza.

Nel presente lavoro si è cercato di determinare se esiste un’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza inferiore nell’infanzia e quindi, se ci sia una relazione tra il consumo di latte vaccino e il consumo di latte non vaccino relativamente al parametro altezza.

È stato condotto uno studio trasversale di 5034 bambini canadesi sani di età compresa tra 24 e 72 mesi, arruolati nella coorte di Applied Research Group for Kids.

L’esposizione principale era il volume del consumo di latte non in polvere (numero di tazze da 250 ml al giorno).

L’outcome primario era l’altezza, che è stata misurata come punteggio z di altezza per l’età. La regressione lineare multivariata è stata utilizzata per determinare l’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza.

Risultati:

C’era un’associazione dose-dipendente tra il consumo di latte non bovino e l’altezza inferiore (P <0,0001).

Per ogni tazza giornaliera di latte non non vaccino consumato, i bambini erano 0,4 cm (95% CI: 0,2, 0,8 cm) più corti. La differenza di altezza per un bambino di 3 anni che consuma 3 tazze di latte non vaccino rispetto a 3 tazze di latte vaccino era di 1,5 cm (IC 95%: 0,8, 2,0 cm).

Conclusioni: il consumo di latte non vaccino era associato ad un’altezza inferiore.

Share This